Austria, l’afflusso dei rifugiati non si arresta

I treni carichi di rifugiati continuano ad arrivare in Austria. Nel primo pomeriggio, alla stazione Haupbahnhof di Vienna, un convoglio giunto da Nickelsdorf, al confine con l’Ungheria, viene accolto tra gli applausi scroscianti di volontari e semplici cittadini, accorsi per dare un segno tangibile di solidarietà.

IMG_4943

Seicento rifugiati scendono, un po’ provati, ma con gli sguardi pieni di speranza. Per loro inizia a dischiudersi la possibilità di una nuova vita, in un clima di pace. Quella viennese è per molti di loro solo una tappa intermedia di un lunghissimo viaggio.

IMG_4945

Così mi racconta una famiglia siriana: madre, padre e una bambina di appena due anni. Un tragitto lungo e pericoloso, attraverso Turchia, Macedonia, Serbia, Ungheria. Ora sono finalmente in Austria e presto, forse già da stasera raggiungeranno la Germania.

Lungo i binari della stazione centrale di Vienna, le partenze di treni verso Monaco si sono susseguite fin dal mattino. I rifugiati corrono a frotte incontro a quei convogli che sono la speranza di un futuro migliore.

IMG_4942

Salgono sui treni e salutano commossi i volontari austriaci che li hanno aiutati, sfamati, dissetati, vestiti, ospitati.

IMG_4946

Non solo cibo per i rifugiati, c’è anche chi alla stazione Westbahnhof offre loro la connessione wi-fi gratuita, o chi gli consente di ricaricare gli smartphone, diventati per la maggior parte di loro strumento indispensabile.

IMG_4944

Tra ieri e oggi sono arrivati in Austria oltre 6.500 migranti, ma altre migliaia arriveranno in serata.

Molti cittadini comuni austriaci si sono organizzati su internet per trasportare con le proprie automobili i rifugiati dal confine con l’Ungheria fino a Vienna. #CarsofHope è il tam tam che è corso sui social media e 150/200 macchine hanno risposto facendo avanti e indietro tra la cittadina ungherese di Röszke e la capitale austriaca.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Austria, l’afflusso dei rifugiati non si arresta

  1. Devo dire che non mi aspettavo un’accoglienza così forte e così compatta da parte del popolo Austriaco. Mi ha lasciato veramente sorpresa e felice.
    La solidarietà e l’amicizia è fondamentale. Vienna non è certo una città facile ma, se tutta questa disponibilità continuerà, le famiglie di emigranti potranno finalmente ricominciare a vivere.
    Grazie Vienna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *