Le parole che salvano la vita

photoArabo, Farsi, Dari, Curdo, parlano tutte queste lingue e anche tedesco e inglese. Si sono organizzati coprendo con vari turni l’intero arco delle 24 ore, alla stazione Westbahnhof. La loro opera, il loro aiuto, sembrano impalpabili. Eppure sono i traduttori che hanno reso possibile a migliaia di rifugiati transitati in Austria -tra lunedì e martedì oltre 7.000, ma nella sola stazione Westbahnhof di Vienna continuano ad arrivarne al ritmo di oltre 2.000 al giorno- di riuscire a farsi dare ciò di cui avevano disperato bisogno, di poter raggiungere il paese dove vogliono cercare di ricostruire la propria esistenza spezzata.

Nelly Badfar è di origini persiane. È venuta in Austria nel 1988, quando aveva 4 anni, assieme alla sua famiglia, scappata dall’Iran durante la guerra con l’Iraq.

Nelly

Nelly parla il Farsi, il tedesco e l’inglese. Racconta di quanto il Farsi sia di aiuto per comunicare con i rifugiati provenienti dall’Afghanistan. Proprio ieri sera ha aiutato una famiglia con bambini piccoli a trovare un riparo per la notte, in un edificio della Caritas nelle vicinanze della stazione, dove esistono 500 posti letto. E il mattino seguente di come il suo supporto sia stato decisivo per far loro prendere il treno diretto a Monaco di Baviera, partito all’alba.

treno

Lo dice con fierezza e con gioia, la gioia di chi è riuscito a fare la cosa giusta, di chi ha potuto alleviare la disperazione dei rifugiati arrivati a Vienna bisognosi di tutto. Una voce amica che in un attimo ha annullato tutte le distanze. Perché a volte anche solo una parola rende possibile l’impossibile. E per salvare vite umane, per offrire parole di conforto a chi soffre, Nelly ha dedicato tutta la sua settimana di vacanza ai rifugiati giunti da Siria, Iraq e Afghanistan, come un fiume in piena nella tranquilla capitale asburgica.

traduttori 1

Con lei anche tanti giovanissimi traduttori, alcuni di loro hanno solo 19 anni, tutti capaci di parlare i vari dialetti persiani, o l’arabo. Sono loro gli angeli invisibili, che parlano al cuore e dissipano lacrime, paura e disperazione sussurrando appena.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *