Austria: il rap di Lugner, candidato presidente a 83 anni

Richard Lugner, l’ottantatreenne eccentrico magnate austriaco, famoso soprattutto per portare ospiti famose e talvolta discusse al Ballo dell’Opera, ha da poco lanciato sul web un video con una canzone rap a supporto della sua campagna per le presidenziali austriache.

screen shot da Facebook

screen shot da Facebook

Lugner, personaggio del jet set viennese, ama stupire con iniziative provocatorie. Tra le sue battute trasgressive l’aver definito Kim Kardashian molto noiosa quando l’ha avuta sua ospite al palco del Teatro dell’Opera, in occasione del ballo del 2014.

La propensione di Richard Lugner per le provocazioni lo ha reso spesso protagonista delle cronache gossip viennesi, come il giorno delle sue carnascialesche nozze con la playmate ventiseienne Cathy Schmitz.

Oppure quando si è esibito in folli danze accanto alla nostra splendida Elisabetta Canalis, sempre al Ballo dell’Opera, ma stavolta nell’edizione del 2015.

Questo video rap è il tentativo di far racimolare al milionario del mattone e del commercio al dettaglio, quelle circa 2.000 firme ancora mancanti, che renderebbero la sua candidatura a presidente della Repubblica austriaca una realtà. Intende partecipare alle elezioni del 24 aprile come indipendente, Richard Lugner, e cerca attraverso la sua canzone rap di catturare sostenitori e possibili elettori.

screen shot da lugner.at

screen shot da lugner.at

Il motivo è di quelli molto orecchiabili. Lo ascolti e dopo poco ti è già entrato in testa. Le parole, poi, funzionano molto bene in tedesco, un po’ meno tradotte in italiano. Un testo che è di fatto pura propaganda elettorale, rivolta a quel pubblico che naviga su internet e che si nutre su base quotidiana di Facebook e YouTube.

Analizziamone alcuni passaggi più significativi.

“Also macht euch auf die Socken, dann werd ich bald die Hofburg rocken!”

“Allora, diamo inizio alle danze, poi farò presto ballare a suon di rock l’Hofburg!”

Insomma, il messaggio è chiaro: datemi le vostre firme così potrò diventare presidente dell’Austria!

“Als Präsident würd’ ich an Zaun auch im Osten an der Grenze baun. Damit die Wiener mit ihren G’schroppen am Sonntag nicht in Ungarn shoppen!”

“Da presidente anch’io costruirei una barriera ad oriente. Così i viennesi non sarebbero più costretti ad andare a fare shopping in Ungheria la domenica!”

E il messaggio politico sotteso sembra essere: state sicuri che mi concentrerò su tutte quelle riforme necessarie per far crescere e modernizzare l’Austria e per rendere la vostra vita migliore! Ad oggi in Austria la domenica ogni tipo di esercizio commerciale, eccetto quelli del settore della ristorazione, sono rigorosamente chiusi, persino iper-mercati e grandi catene retail, al contrario aperte di domenica in tutto il resto d’Europa e del mondo.

“Mei First Lady ist ein Bringer! Ich fühl mich gleich um Jahre jünger. Cathy ist so fesch, so g’scheid meine Gegner frisst der Neid!”

“La mia first lady è molto carina e mi fa sentire molto più giovane. Cathy è così attraente che fa diventare verdi d’invidia tutti i miei oppositori politici!”

Che tradotto in termini puramente politici vuol dire: sono felice che la mia bella moglie Cathy sia al mio fianco nella mia campagna elettorale.

Per ora il video su YouTube ha totalizzato migliaia di visualizzazioni, ma non sappiamo se si tradurrà anche in un successo elettorale. Per ora Richard Lugner è solo un possibile candidato alle prossime presidenziali austriache. Solo il tempo ci dirà se far ballare l’elettorato a ritmo di rap porterà i frutti sperati. Il fenomeno che trovo comunque interessante è che un ottuagenario sappia utilizzare così bene i social media e non sembri affatto in difficoltà ad entrare nell’agone politico malgrado la sua età ragguardevole. Un monito contro la diffusa tendenza, soprattutto in casa nostra, a dare solo largo ai giovani?

 

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *