Rifiuti: Roma lancia SOS all’Austria

Il problema dei rifiuti a Roma è tutt’altro che risolto. Così a smaltire il pattume della capitale, in parte potrebbe essere anche l’Austria. Spazzatura, incuria, degrado, continuano a soffocare la capitale d’Italia, al pari delle polemiche che sembrano travolgere quotidianamente il sindaco Virginia Raggi e la sua squadra. Nell’occhio del ciclone l’assessore all’Ambiente Paola Muraro, l’unica esperta in materia nella giunta capitolina, che proprio di rifiuti si dovrebbe occupare, ma che al contrario, nella bufera che agita M5S, Direttorio e mini-Direttorio, sembra al contrario presa soprattutto dalle sue vicende giudiziarie. In questo clima incandescente è quasi passata inosservata la notizia che per risolvere i problemi della “monnezza” romana potrebbero venire in aiuto Germania e Austria.

image

70.000 tonnellate di immondizia in un anno, da smaltire sul territorio austriaco, trasportate con treni speciali”, su base settimanale, come dichiara un portavoce del Ministero Federale dell’Ambiente. Altre 50.000 tonnellate potrebbero, invece, attraversare l’Austria per essere poi trattate in Germania. 

image

Roma-Austria: accordo non ancora decollato

70.000 tonnellate di rifiuti solidi urbani indifferenziati dovrebbero giungere da Roma ed essere successivamente trattati in Austria, in un termovalorizzatore, ossia un inceneritore con recupero di energia. Complici le difficoltà burocratiche, il terremoto ai vertici dell’Ama e all’interno della giunta capitolina, il processo non è ancora stato avviato, ma forse potrebbe essere questione di settimane.

image

In verità la richiesta di accollarsi una parte dei rifiuti solidi urbani di Roma, le autorità austriache l’hanno ricevuta nella prima metà di agosto, ma è ancora in fase di analisi. Ad oggi, come conferma un portavoce del Ministero Federale dell’Ambiente, “l’iter è ancora in corso, nessuna autorizzazione è stata data, né esiste alcun accordo formale”. In Austria arrivano ogni anno 200.000 tonnellate di immondizia dall’estero. Di queste 160.000 provengono dall’Italia. Occorrerà vedere se il Paese ha la capacità di gestire lo smaltimento di queste 70.000 tonnellate di pattume in più.

image

Roma tra le capitali peggiori d’Europa

Roma riesce a far fronte solo al 36% dell’immondizia che produce. Ecco perché sarebbe costretta, almeno per i prossimi 3 o 4 anni, a trovare una collocazione fuori dal proprio territorio al restante 64% dei suoi rifiuti solidi urbani.

image

Berlino, Parigi, Madrid riescono a smaltire il 98% della propria spazzatura. Anche Londra, che dopo la Brexit è ufficialmente fuori dall’Ue, fa fronte autonomamente alla propria immondizia. Solo Atene, come Roma, è ben lontana dal raggiungimento dell’autosufficienza in materia di smaltimento di rifiuti solidi urbani. Uno smacco per la città eterna risultare tra le peggiori capitali dell’Unione europea quanto a gestione del proprio pattume.

image

Vienna sì, che è autosufficiente!

Altrettanto autosufficiente è Vienna, che dispone di 3 termovalorizzatori, con una capacità di 500.000 tonnellate l’anno, nei quali si trasformano, incenerendoli, i rifiuti in energia.

image

Se in Italia, tra le grandi città, Milano rappresenta un’eccellenza che ben poco ha da imparare dall’estero, raggiungendo nei primi 5 mesi del 2016 un 53,4% di pattume recuperato con la raccolta differenziata, anche la capitale austriaca quanto a riciclo è messa bene. La raccolta di vetro, carta e plastica è iniziata nel lontano 1975. Nel 1989 è stato avviato un sistema di raccolta differenziata moderno ed efficiente.

image

Oggi a Vienna vengono raccolte ogni anno: 27.000 tonnellate di vetro, 15.000 tonnellate di scarti metallici, 5.000 tonnellate di bottiglie di plastica, con indubbi vantaggi per l’ambiente e con un netto risparmio in termini di materie prime. Tuttavia “alcune operazioni di riciclo avvengono fuori Vienna, per ragioni di risparmio economico” specifica un portavoce del Ministero Federale dell’Ambiente.

image

Tra le capitali europee in materia di raccolta differenziata le più virtuose sono: Ljubljana, Tallinn e Helsinki che raggiungono rispettivamente una percentuale di recupero dei rifiuti solidi urbani pari a 55,4 %, 47,2 % e 38,6 %.

image

E la raccolta differenziata in Austria?

A livello nazionale l’Austria produce “4.200.000 tonnellate l’anno di rifiuti solidi urbani -mi spiega un portavoce del Ministero Federale dell’Ambiente austriaco- Più del 60% viene recuperato grazie alla raccolta differenziata”. Non solo vetro, carta e cartone, plastica, ma anche metallo e umido.

image

Esistono anche speciali scatole, le Öko-Box, all’interno delle quali si mettono i contenitori tetrapak usati per poi recuperarli riciclandoli. Vienna è una città piuttosto pulita e ordinata, come altrettanto lo è il resto dell’Austria.

image

Le strade vengono regolarmente pulite, i cestini della spazzatura non traboccano mai e neppure i pochi cassonetti, tutti destinati alla raccolta differenziata. L’indifferenziato e la carta, infatti, vengono raccolti nei singoli condomini e palazzi, e ritirati settimanalmente.

image

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

4 risposte a “Rifiuti: Roma lancia SOS all’Austria

  1. Buonasera
    Cara sig,ra Mila, gli e lo dico con il cuore in mano. Da Italiano mi vergogno per quello che stà succedendo a Roma la Capitale d’Italia, una città meravigliosa che tutto il mondo ci invidiava. Ora quello che è rimasto è solo un cumulo di macerie e una città al completo sbando. Siamo arrivati al punto di non ritorno, dove il Comune non riesce nemmeno a smaltire la spazzatura. Non voglio soffermarmi su altri problemi che affliggono i poveri abitanti, ma è chiaro che ancora una volta, siamo difronte a un vero e proprio meccanismo contorto. Qualcuno ha messo le mani sulla città e usa il suo potere, per fare il brutto e cattivo tempo a suo piacimento, coinvolgendo l’intero sistema politico. Una città come Roma, che chiede aiuto all’Austria per smaltire i rifiuti ? Pensiamo per un attimo ai reali costi, per il solo trasporto. Oltre mille km, dividono i due paesi e questo porta a un costo non indifferente. Aggiungendo lo smaltimento, rischieremmo di raggiungere cifre astronomiche. La soluzione ci sarebbe e farebbe risparmiare ai cittadini romani, un sacco di soldi. Sono milanese e per motivi personali, spesso vivo in provincia di Brescia. La città della Leonessa, molti anni fa, ha costruito un enorme inceneritore e i rifiuti sono diventati un problema inesistente. Le dirò di più. Hanno progettato un sistema veramente efficace. Il Tele-riscaldamento. Con i rifiuti che giornalmente vengono gettati nell’inceneritore, gli stessi garantiscono il riscaldamento, per buona parte della città. Ovviamente questo porta un sostanzioso risparmio, ai cittadini bresciani. Ora, se una città come Brescia è riuscita a costruire un inceneritore, mi sembra assurdo che non possa farlo una città come Roma. Le possibilità economiche tra le due è evidente che non si possano paragonare. Con tutto il dovuto rispetto per la cittadina lombarda. Con tutti soldi che l’Italia butta letteralmente via per cose assolutamente inutili, non sarebbe meglio dotare ogni regione d’Italia, di un inceneritore in grado di fornire il riscaldamento a milioni di Italiani ? Brescia è il classico esempio, di come dovrebbe essere gestita la spazzatura. Perchè lo Stato, le Regioni e gli addetti ai lavori, non si muovono in quella direzione ? credo che molti di noi, la risposta la conoscano molto bene. “Governare gli Italiani non è impossibile, ma inutile”. Cara Mila, queste non sono parole mie, ma di una persona che aveva capito molti anni fa, come funzionava questo paese. Un caro saluto.
    Cordialmente.

    • caro Marco, in Italia ci sono resistenza e avversione nei confronti dei termovalorizzatori che, al contrario, qui in Austria vengono tenuti in grande considerazione, anche come base per il teleriscaldamento, come accade a Vienna. avere un termovalorizzatore, non vuol dire non attuare una buona politica del riciclo dei rifiuti. occorrerebbe informare di più i cittadini italiani sugli immensi vantaggi che derivano da inceneritori di ultima generazione. inoltre, sarebbe necessario ripensare nel suo insieme la politica energetica del Paese, investendo anche e di più nell’energia rinnovabile. tutte cose che l’Austria fa da molti anni, con indubbi vantaggi per gli austriaci.

    • il trasporto dei rifiuti avverrà sicuramente con treni speciali, aggiungendo ai costi di smaltimento anche quelli del trasferimento dall’Italia all’Austria. l’accordo non è ancora diventato realtà. di sicuro tornerò sull’argomento e vi aggiornerò con maggiori dettagli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *