La bella, la bestia, tatuaggi e mangiatori di fuoco

La Vienna Fashion Week si è chiusa, con una serie di sfilate che hanno lasciato il segno. Campeggia tra tutte quella della stilista Nikola Fechter assieme a suo fratello Georg, con la loro linea Masters of Dirt, un marchio austriaco che prende il nome dal famoso spettacolo di freestyle. Un gioco di contrasti, tra bellezza e bestialità, tra eleganza e stile aggressivo, tra abiti da sera sognanti e look dark. Indimenticabili i modelli della linea disegnata da Georg Fechter. Sono muscolosi, pieni di tatuaggi, tanto che alcuni hanno corpi quasi interamente istoriati, simili alla Jane Dow protagonista della serie tv americana Blindspot, ideata da Martin Gero.

img_2539

Un mix tra fascino selvaggio e cura per il dettaglio, con l’uso di materiali selezionati, come il cotone naturale e la viscosa. In questo esperimento mai provato prima, i due fratelli esprimono le loro visioni antitetiche del design di moda, con talento e creatività. Il fashion show si apre con le atmosfere musicali create live da un dj e una sexy mangiatrice di fuoco, con indosso un completino fetish

img_2542

Eleganza e piccoli dettagli

Gli abiti di Nikola Fechter seguono linee essenziali, ma hanno sempre qualche dettaglio moda che li rende speciali.

img_2557

Trionfano i cappelli a falda larga, tacchi a stiletto, talvolta abbinati a calzini dal tocco sexy. Molti i pantaloncini corti, talvolta cortissimi, portati sempre con tacchi vertiginosi.

img_2543

È tutto un continuo rimando dal fascino discreto dell’educanda, alla seduttività della femme fatale.

img_2559

Splendido il taglio di soprabiti, spolverini e impermeabili.

img_2555

Predomina il nero, ma c’è spazio anche per bianco, grigio e beige. Spacchi vertiginosi caratterizzano gli abiti da sera.

img_2558

Alcuni, poi, hanno persino una vena romantica. In passerella si respira aria di magia all’incedere di una modella in abito bianco.

img_2545

Nikola Fechter è riuscita a declinare in modo poetico l’abito da sposa, senza cadere nel già visto o nel banale.

img_2563

Tatuaggi e look molto rock

Tutta un’altra musica con Georg Fechter e i suoi modelli tatuati. Lo stile è rock, di quello duro, durissimo e metallaro.

img_2551

Anfibi, classici jeans strappati, felpe, con cappuccio e senza, giacche, boots, cappellini con visiera, shorts e scarpe da ginnastica.

img_2550

Alcuni modelli sembrano una sorta di Gesù, rivisitato in chiave contemporanea: felpa, pantaloni con ginocchia strappate e corona di fiori stile figli dei fiori.

img_2544

Urban fashion che trasforma lo street style in una versione 2.0, fatta di tessuti nobili anche se all’apparenza cheap.

img_2540

Non mancano  i corpetti sexy che lasciano scorgere tatuaggi estesi a tutte e due le braccia.

img_2564

E poi borse da uomo, felpe-spolverino con cappuccio e quelle stile accappatoio da pugile.

img_2549

Anche nell’asfalto può nascere un fiore ed esserci spazio per una sposa irriverente e per qualche capo dedicato anche ai bambini.

img_2552

Kayiko: solo bianco e nero

Atmosfere minimaliste e fortemente contemporanee nella bellissima sfilata di Kayiko, il brand della stilista austriaca Karin Oébster, che disegna moda di lusso dal carattere deciso e dalle linee essenziali.

img_2565

Dominano indiscutibilmente il bianco e il nero. Uniche concessioni al grigio e all’argento.

img_2569

Modelli e modelle sono di ogni età, perché la bellezza è senza tempo, come alcuni dei capi che appaiono nello show.

img_2570

Principi e cavalieri in armatura

Gli uomini di Kayiko sembrano principi e cavalieri d’altri tempi, con giacche costruite sapientemente, tanto da sembrare strutture simili ad armature, ma sempre pervase da un tocco modernissimo dato da tagli asimmetrici e giochi di pieghe e cuciture.

img_2586

Alcuni modelli sembra che indossino stranissime corazze, preludio di combattimenti in un’era post-atomica, dove i colori sembrano essere spariti.

img_2579

Altri hanno l’aria di guru contemporanei: pantaloni larghissimi, sciarpe ampie, giacche abbondanti.

img_2572

Alcune casacche e camicie da uomo sembrano riscrivere lo stile di pirati e moschettieri in chiave colta e sempre ironica.

img_2571

Molto scenografico lo spolverino a rete e il suo gioco di trasparenze.

img_2573

Dame sexy e sofisticate

Le donne, invece, sembrano geishe post-moderne. C’è tanto Giappone e contaminazioni cosmopolite, ma le linee abbondanti e morbide e i tagli sghembi che seguono pericolose diagonali, donano un fascino carico di mistero alla femminilità di Kayiko.

img_2566

Le scarpe sono rigorosamente basse e dal modello maschile.

img_2574

Unico vezzo, il calzino da scolaretta sotto al ginocchio e la pelle color argento delle brogue shoes, le scarpe basse stringate, all’inglese.

img_2575

Le maniche lunghissime e sovradimensionate, tanto da nascondere le mani, sono dettagli di stile, che sembrano declinare il concetto del kimono in modo nuovo.

img_2578

Giochi di reti e trasparenze optical di bianchi e di neri. Borse grandissime, che illuminano un tutto nero semplice e severo.

img_2568

Qualche tocco luccicante e qualche cucitura donano personalità a spolverini, mantelle e giacche.

img_2584

È un inno all’androgino-chic, ma con tantissimi particolari sartoriali che rendono gli abiti di Karin Oébster quasi dei pezzi unici.

img_2583

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *