L’Austria cancella Hitler

La casa natale di Adolf Hitler sarà demolita. L’annuncio è stato dato ieri dal Ministro dell’Interno Wolfgang Sobotka (ÖVP). L’Austria, quindi, pone una netta cesura tra sé e il nazismo, distruggendo, o meglio, apprestandosi a distruggere, uno dei simboli di questo ingombrante e scomodo passato. Per ora resta solo una dichiarazione d’intenti. Ad oggi il Parlamento non ha ancora approvato la legge federale che ratifichi tale demolizione. L’emendamento inizierà entro breve l’iter parlamentare, ma ancora ci vorrà del tempo. “La casa di Hitler sarà distrutta -ha dichiarato il Ministro Sobotka- Le sue fondamenta potranno essere conservate, ma al suo posto sorgerà un nuovo edificio”.

c_2_articolo_3036935_upiimagepp

Il punto nodale è comunque la fine di una lunghissima ed estenuante battaglia legale, durata anni, tra la Repubblica Federale Austriaca e Gerlinde Pommer, la proprietaria del palazzo d’angolo al numero civico 15 della Salzburger Vorstadt, a Braunau am Inn, una cittadina vicina al confine con la Germania, dove Hitler nacque nel 1889

Cosa accadrà alla casa di Hitler?

ll Ministro dell’Interno Wolfgang Sobotka ha spiegato che, perché ogni riferimento al passato nazista venga meno “sarà necessario un profondo ridisegno architettonico, che segni una discontinuità, affinché al palazzo non continui a venir riconosciuto il suo potente significato simbolico”. Ecco perché la sua destinazione sarà esclusivamente legata ad attività con fini caritatevoli, oppure ad iniziative governative a favore della collettività. Anche se per l’abbattimento sarà necessario aspettare ancora del tempo, la linea intrapresa è finalmente inequivocabile. “Adesso il palazzo entra in possesso della Repubblica Federale Austriaca -sottolinea Karl-Heinz Grundböck, Portavoce del Ministero dell’Interno- E quindi si delinea in modo chiaro il suo futuro”.

La Commissione smentisce il Ministro

All’indomani delle dichiarazioni del Ministro Sobotka è emersa immediatamente molta confusione all’interno della Commissione Storica, chiamata a decidere il futuro della casa natale di Hitler. Non tutti sono d’accordo con la linea del Ministro dell’Interno. Alcuni dei 13 componenti non sono affatto a favore della distruzione dell’edificio. E proprio la questione del nuovo design della facciata sembra essere controversa e soggetta a interpretazioni diverse. Per lo storico Oliver Rathkolb e per l’ex Presidente dell’Alta Corte amministrativa Clemens Jabloner, entrambi nel panel della Commissione Storica designata dal governo a decidere sul da farsi, dicono che un conto è modificarne l’aspetto e un’altra è radere al suolo tutto l’edificio. “La casa deve perdere quella sua specifica riconoscibilità -ha precisato oggi il Ministro Wolfgang Sobotka per sedare le polemiche- Se poi questo significhi abbatterla, o meno, se ne potrà discutere”.

c_4_articolo_2150029_upiimagepp

Controverso luogo di pellegrinaggio

Da anni l’edificio è luogo di ritrovo e festeggiamenti da parte di simpatizzanti neo-nazisti che vengono da tutto il mondo in pellegrinaggio ogni 20 aprile, in occasione della nascita del Führer. In un delicato momento storico come quello attuale, che vede il continuo insorgere di movimenti che si ispirano all’ideologia nazista in tutta Europa, la decisione del governo austriaco rappresenta un gesto coraggioso. Il tentativo di porre un argine all’avanzata di una deriva nazi-fascista. Al tempo stesso è un primo passo per fare i conti con un passato, finora mai affrontato sufficientemente a viso aperto. L’Austria spesso si è trincerata dietro alibi legati all’Anschluss del 1938, quando Adolf Hitler sancì l’annessione alla Germania nazista. Ma le leggi razziali e anti-semite in Austria iniziarono almeno dieci anni prima del 1938, con pesanti epurazioni dell’intellighenzia ebraica dalle università e dalle istituzioni.

La storia dell’edificio

Adolf Hitler nacque a Braunau am Inn, il 20 aprile del 1889. Visse nella casa al civico 15 della Salzburger Vorstadt fino all’età di tre anni. Nel 1938 Martin Bormann acquistò a caro prezzo l’edificio, con l’intento di realizzarci un centro culturale nazista. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale i nazisti cercarono far esplodere il palazzo, ma gli Americani riuscirono a impedire l’attentato. Nel 1952 la famiglia Pommer riacquistò il palazzo. Dopo essere stato prima un teatro, poi una scuola, una banca e un istituto tecnico, è diventato un centro per disabili. Dal 2011 l’edificio era vuoto e necessitava di una sensibile ristrutturazione. Vi sono piani sulla demolizione dell’edificio dal 2012. Il Ministero dell’Interno versava finora 4.700 euro mensili di affitto alla proprietaria, Gerlinde Pommer, che ora è stata espropriata a fronte di un risarcimento.

Cosa pensano gli abitanti di Braunau am Inn?

Il dibattito sul futuro della casa di Adolf Hitler è molto acceso tra gli abitanti di Braunau am Inn, una cittadina di poco meno di 17.000 anime, a nord dell’Austria, in prossimità del confine con la Germania (Baviera). Alcuni vorrebbero che venisse realizzato un centro per accogliere rifugiati. Altri, invece, vorrebbero che fosse trasformato in un museo dedicato alla liberazione dell’Austria dal nazismo. Mentre alcune organizzazioni culturali, nel corso degli anni, si sono opposte alla demolizione, per ragioni legate al discreto pregio artistico del palazzo, risalente al 17esimo secolo, e situato in pieno centro storico. Secondo molti cittadini di Braunau, anche se l’aspetto esterno dovesse cambiare, la casa resterebbe sempre oggetto di culto e di pellegrinaggio. A stemperare gli animi ci pensa il sindaco Hannes Waidbacher (ÖVP) che ha precisato: “L’esperienza degli ultimi 5 anni ci dimostra che alla fine le cose non vanno mai esattamente come sono state pianificate”. Insomma, ancora non è stata messa la parola fine.

image

Anche Norbert Hofer d’accordo con la demolizione

I primi di settembre anche il candidato alla Presidenza della Repubblica dell’FPÖ, Norbert Hofer, si era detto favorevole all’abbattimento della casa di Adolf Hitler. “Se le opzioni sono quelle di trasformarlo in un santuario, oppure distruggerlo -ha dichiarato Norbert Hofer- Io sono favorevole alla sua demolizione”. Anche se a suo tempo si era anche detto perplesso sulle difficoltà legate alle implicazioni legali connesse alla distruzione di un palazzo d’epoca, con vincoli delle belle arti. Dietro alle dichiarazioni del candidato alle presidenziali dell’FPÖ, però, qualcuno ha visto una mossa elettorale, che tenda a migliorare i rapporti tra Hofer e la IGK (Israelitische Kultusgemeinde Wien) la Comunità Israelitica di Vienna.

KERN C_2_articolo_3010623_upiImagepp

L’Austria non è un Paese razzista

Pochi giorni fa il Cancelliere Christian Kern (SPÖ), ha dichiarato che l’Austria non è un Paese razzista. Nell’intervista rimbalzata su tutti i media locali, Kern ha evidenziato tra l’altro che “chiunque alle prossime elezioni presidenziali voterà per Hofer, non è automaticamente un sostenitore della destra radicale”. La gente sceglie seguendo le proprie paure, ha rilanciato Kern, che ha aggiunto: “Il populismo avanza ovunque, in America, come in Francia, dove Donald Trump e Marine Le Pen non sono meglio di altri, adesso la gente tende a votare contro l’establishment”. Vista in quest’ottica, la notizia della volontà di distruggere la casa natale di Hitler è indubbiamente un passo significativo per una rappacificazione interna e un modo per smussare estremismi e radicalismi.

Contro il nazismo, la cultura della memoria

Il Ministro Sobotka ha inoltre posto l’accento sulle tante iniziative che l’Austria porta avanti per sostenere la cultura della memoria: “Lavoriamo con impegno perché si diffonda una cultura della memoria, commemorando i campi di concentramento di Mathausen, la Casa della Storia di St. Pölten e di Vienna, ma anche promuovendo sempre un’analisi scientifica del periodo Nazi-fascista”.

 c_4_articolo_2156877_upiimagepp

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

10 risposte a “L’Austria cancella Hitler

  1. Trovo questo articolo è estremamente interessante.
    Mi dispiace l’idea che una parte di storia debba essere demolita perché diventata centro di ritrovi di nazi-facinorosi.
    La storia va rispettata, ricordata e lasciata lì. Il passato è passato, viviamo il presente.Non dovremmo costringere a distruggere la storia perché non in grado, alcuni, di prenderne le giusta distanze.
    Patrimonio dell’umanità, tutto quello che resta, per non dimenticare e per rendere il futuro migliore.

    • cara Simona, la casa natale di Hitler ha sempre rappresentato argomento di accese polemiche. sono anni che in Austria si discute sulla sua demolizione. il fatto che il tema susciti ancora un dibattito interno così animato, con pareri discordanti anche tra gli esperti della commissione chiamata a decidere del destino futuro dell’edificio, credo sia il segnale di un passato con il quale ancora non sono stati fatti sufficientemente i conti. quanto alla distruzione della casa, se davvero avverrà, si dovrà ancora aspettare. a mio parere, a volte, occorre essere anche capaci di abbattere qualche segno del tempo che fu, specie se non di particolare pregio, e avere il coraggio di sostituire con opere che lascino, invece, una decisa traccia del presente, con tutta la potenza dell’estetica contemporanea.

      • Sicuramente, come sostieni tu, se ancora se ne parla evidentemente non si riesce a superare il passato scomodo.
        E’ anche vero però che, anche se non di particolare pregio, la storia parla ed è comunque un bene tenerne conto.
        Altrimenti anche alcuni tra i campi di sterminio dovrebbero essere abbattuti. Questi, ancor più della casa di Hitler, parlano di un passato che non fa male.. di più. Ti logora dentro, ti uccide eppure per non dimenticare, ed è giustissimo, restano lì e parlano ancora e tanto.

        • sono d’accordo con te Simona. ci sono testimonianze dolorosissime e drammatiche, come i campi di sterminio, che devono restare a perenne memoria. la mia provocazione era solo riferita all’attitudine, soprattutto italiana, di ostinarsi a mantenere anche un sassolino di un lontanissimo passato, a scapito magari della costruzione di nuovi edifici, che potrebbero dare un tocco di modernità alle nostre città, ridisegnandole e migliorandole.

          • Beh, se questo intendevi, noi siamo maghi del “non buttar nulla!”. Non siamo certo esempi di novità e progresso ma ridisegnare e migliorare non vuol dire dimenticare… almeno una targa!
            Grazie Mila per questa piacevole conversazione e Complimenti per il tuo Blog!

  2. Buonasera
    Carissima Mila, viviamo ormai da molti anni, in una società dove l’ipocrisia si spreca e l’Europa ne è la conferma. Oggi mettiamo sul piedistallo un personaggio o un idea, domani lo crocifiggiamo come il primo dei nemici. Funziona tutto così, in politica e nella vita di tutti i giorni. L’Austria è un paese che conosco molto bene e per anni, ho rispettato il modo di vivere delle persone. E ad essere sincero, ancora oggi nutro verso di loro, un sentimento di stima. Anche se le cose ultimamente, stanno prendendo una brutta piega. E non mi riferisco all’idea di volere abbattere la casa natale di Hitler, ma di comportamenti da parte della politica attuale, che lasciano un po a desiderare. Secondo il mio modesto parere, la severità di un tempo, stà cedendo il posto a una politica troppo permissiva. Ma questo è un punto di vista personale. Solo il tempo, deciderà chi ha ragione o torto. Passiamo a quello che è il tema principale. La casa di Hitler. Trovo quest’idea del tutto sbagliata, per un semplice motivo. La Storia, vista come materia scolastica è indubbiamente fonte di cultura per le generazioni future e lo è stata anche per noi. Tutti i più grandi condottieri della Storia, nel bene o nel male hanno fatto grande il proprio paese. Comunisti, Fascisti, Nazisti, ecc. hanno determinato un vero e proprio cambiamento, economico e culturale, all’interno del quale il propri popoli, ne andavano fieri. Per lunghi anni, la Germania è stata la potenza più grande al mondo e per sconfiggerla, si è dovuto ricorrere all’aiuto di mezzo mondo. E le dirò di più. Ancora oggi, la Germania e l’Austria, vivono usando ancora delle leggi che ha fondato Hitler. Questo non sono io a dirlo. In fatto di economia, basterebbe leggere il Mein Kampf e confrontare le leggi di all’ora, con quelle attualmente in vigore nei due paesi. Sono perfettamente identiche. Nonostante la morte di Hitler è ancora grazie a lui, che il paese stà economicamente in piedi. Ora le chiedo, perchè distruggere un pezzo di Storia ? i muri sono fatti di cemento e si possono demolire. Abbattere i simboli, non serve a nulla. Serve solo ed esclusivamente, a fomentare ancora di più l’odio delle persone. Perchè un nostalgico, non avrebbe il diritto di visitare la casa di un uomo che è stato la sua guida ? In tutto il mondo esistono simboli edificati ai tempi dei condottieri. Cosa facciamo, li abbattiamo tutti ? la Storia è cultura, il nostro passato. I nostri ragazzi e le generazioni future, devono capire quello che è stato fatto. Passo dopo passo. In caso contrario, ci comporteremo come i terroristi dell’Isis che, stanno distruggendo tutti i simboli Cristiani, con la complicità dei paesi arabi. L’inesorabile fine di una civiltà. Un abbraccio.
    Cordialmente.

    • caro Marco, la demolizione della casa natale di Hitler è un tema dibattuto da molti anni. l’annuncio fatto dal Ministro dell’Interno lunedì scorso è solo l’ultimo in ordine di tempo. esiste una commissione di esperti e se ne discuterà ancora molto. il fatto che in Austria si senta forte il bisogno di affrontare il futuro di quell’edificio, indica una lacerazione non ancora sanata, è il segno evidente della necessità di fare i conti con il passato.

  3. Buonasera
    Mi scusi sig.ra Mila, mi sono accorto che una frase del mio commento si è persa durante il lancio, all’interno del suo blog. Se gentilmente la corregge, mi farebbe enorme piacere. La frase in questione è la seguente : I muri sono fatti di cemento e si possono demolire. Gli ideali restano stampati nel cuore e nella mente. Mi dovrebbe cancellare. Nulla si può il Fascismo e il Comunismo. Grazie infinite.

  4. Buonasera
    Cara Mila, non dovremmo mai guardare indietro. La Storia è un fatto passato e nulla e nessuno, potrà mai cambiarlo. Tutti hanno commesso degli errori, chi più e chi meno. Quello che conta è il presente e come andremo a finire. L’Austria dovrebbe fare i conti col passato, perchè ha avuto un personaggio come Hitler, nato a Braunau e perchè mai ? questo solo per dimostrare al mondo e all’opinione pubblica, la voglia di rinnegare un loro cittadino che durante gli anni del dominio era osannato dall’intero paese. Ma per favore, che non facciano ridere i polli. Ancora oggi in Russia, si vedono in giro le statue di Stalin e ben pochi russi, sarebbero disposti a rinnegarlo. Questa si chiama coerenza. Nella ex Jugoslavia, in molti locali e abitazioni private, la foto di Tito, primeggia al centro del locale. Una commissione di esperti, per decidere di abbattere un simbolo della Storia mondiale. Forse nel mio precedente commento, avevo ragione. Anche l’Austria, stà incominciando a calare i pantaloni. Brutto segno, davvero brutto. Un abbraccio. Grazie per avere corretto il mio commento. Sempre gentilissima.
    Cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *