George Michael a Vienna, mistero svelato?

Sulla gita segreta di George Michael a Vienna sarebbero emersi alcuni nuovi particolari che ne spiegherebbero il motivo. Dietro al viaggio nella capitale austriaca non ci sarebbe alcun mistero legato alla sua prematura scomparsa il giorno di Natale, ma questioni relative alla salute del padre del suo compagno Fadi Fawaz. La star sarebbe giunta in Austria da Londra con un jet privato i primi di novembre, poche settimane prima della sua morte, e avrebbe poi utilizzato un servizio di vip Limousine. Ad accompagnarlo anche Fadi Fawaz e il padre di quest’ultimo. Secondo il quotidiano Österreich, ripreso anche da altri media locali, George Michael avrebbe raccomandato al padre del compagno il team di medici dell’AKH, il policlinico universitario e il principale ospedale di Vienna, i dottori che nel 2011 salvarono il cantante, colpito da una gravissima polmonite. I tre avrebbero avuto un appuntamento per una visita medica propedeutica a un’operazione chirurgica. Come avrebbe confermato una fonte del mondo dello spettacolo che ha preferito rimanere anonima, George Michael avrebbe raccomandato il pool di medici dell’AKH guidato dal Prof. Christoph Zielinski, pneumologo e primario del reparto di oncologia, al padre del compagno, che sembra avesse un problema di salute. Quindi non vi sarebbe un nesso con le condizioni di salute della popstar, bensì con quelle del padre del compagno. Insomma, si sarebbe trattato di un viaggio fatto per amore e per prendersi cura di un persona cara. Il soggiorno di George Michael a Vienna sarebbe avvenuto proprio nei giorni immediatamente precedenti al concerto di Justin Bieber, che si è svolto l’8 novembre scorso. In ogni caso la presenza a Vienna di George Michael sarebbe passata del tutto inosservata. Difficile riconoscere il cantante, fortemente appesantito, dopo aver raggiunto un peso di oltre 100 chili.

Il Prof. Christoph Zielinski e il suo collega Dr. Thomas Staudinger da me contattati, hanno preferito non rilasciare alcuna dichiarazione sul rapporto che li legava al cantante. Ma il legame, che travalica quello semplice di medico e paziente, si percepisce chiaramente dal post pubblicato su Twitter dal Prof. Zielinski lo scorso 25 dicembre: “Addolorati per l’improvvisa morte di George Michael, io e il team di medici dell’ospedale AKH vogliamo esprimere profonda solidarietà alla famiglia e agli amici”. Parole commosse, che denotano vicinanza e affetto. Infatti al Prof. Zielinski e al suo staff l’ex Wham! aveva manifestato più volte la propria gratitudine per averlo curato con prontezza ed efficacia, praticandogli una tracheotomia d’urgenza nel 2011, quando una forma grave di polmonite lo aveva costretto a interrompere il tour e gli aveva imposto il ricovero immediato. “Hanno salvato la mia vita”, aveva detto ripetutamente George Michael, che nutriva nei loro confronti stima e fiducia incondizionate. 

screen shot

La polmonite e l’incontro con i medici dell’AKH

Nel 2011 George Michael aveva rischiato di morire, per una forma acuta di polmonite. Dieci giorni privo di conoscenza. Una tracheotomia, praticata per consentire la ventilazione dei polmoni. Tre settimane di cure intensive, nelle quali l’ex Wham! ha lottato tra la vita e la morte.

A suo tempo, intervistato dal Guardian, lo aveva definito il mese peggiore di tutta la sua esistenza: “Sono stato incredibilmente fortunato -aveva detto una volta guarito- per aver superato la malattia e per essere approdato nel migliore ospedale specializzato nella cura della polmonite. Forse qualcuno pensa che io debba restare ancora su questa terra, per continuare a fare qualcosa di buono”. Un’esperienza che lo aveva segnato profondamente, imprimendo anche una svolta alla sua carriera artistica. “Se anche prima non fossi stato abbastanza spirituale, certamente, dopo le ultime quattro, cinque settimane, lo sono diventato di sicuro”.

La dipendenza da droga e alcol

I tabloid inglesi non sono mai stati teneri con George Michael, enfatizzando in modo sensazionalistico i suoi punti deboli e sottoponendolo a una continua gogna mediatica. Proprio dalla stampa inglese, tra le tante indiscrezioni, che testimoniano un’esistenza non priva di tormenti e di fragilità emotive, è venuta a galla la dipendenza da alcol e droghe, soprattutto eroina e crack. Nel corso dell’ultimo anno sembra che la popstar avrebbe speso oltre 2 milioni di sterline in una lussuosissima clinica riabilitativa per disintossicarsi.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

5 risposte a “George Michael a Vienna, mistero svelato?

  1. George Michael è stato un comune mortale come tutti, avrà sicuramente fatto cose buone e cose meno buone specialmente a se stesso, ma ora che è venuto a mancare sarebbe meglio lasciarlo in pace e ricordarlo solamente per la sua bellissima voce.PUNTO

  2. Rimpiangerò per sempre la sua meravigliosa musica! Lasciamolo riposare in pace…………………
    E poi che ne sappiamo…………………………

  3. STIMATO GEORGE RIPOSA IN PACE PER L”ETERNITA”…..
    ORA SEI LIBERO DI SVOLAZZARE TRA GLI ANGELI…
    SEI E RESTERAI FINO AL MIO ULTIMO RESPIRO NEL MIO CUORE!!!!!!
    CON AFFETTO UN TUO FUN!!!!
    GEORGE FOREVER..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *