Bill Gates a Vienna

Sabato Bill Gates era a Vienna. In vacanza o per business? Di certo il magnate americano si è trattenuto assieme a una delle sue due figlie lungo il vecchio Danubio, facendo colazione in uno dei locali che si affacciano sulle sponde del fiume. La scelta è caduta sullo Strandcafé an der Alten Donau, ristorante caratteristico della zona, famoso per specialità alla griglia, come le costolette di maiale.

Tavoli e ombrelloni anche a ridosso del fiume. Grandi spazi coperti nel caso il tempo non sia clemente, come questo weekend d’inizio settembre, costellato da continue piogge sparse. Una visita che doveva essere in incognito, tanto che il fondatore del colosso Microsoft indossava un cappellino con visiera per celare, almeno parzialmente, il volto. Nessuno lo aveva riconosciuto, malgrado la presenza di ben quattro guardie del corpo, tenute però a debita distanza. A capire che fosse il multimilionario americano è stato il cameriere che lo ha servito.

Dopo aver scoperto l’identità dell’apparentemente anonimo uomo con berretto, ha immediatamente sparso la voce tra i colleghi. Così è iniziata anche la caccia al selfie. Scopriamo insieme particolari e curiosità della manciata di ore che Bill Gates ha trascorso allo Strandcafé: dal tavolo scelto, al menù degustato, fino al modo in cui ha pagato il conto

Mr. Microsoft defilato, al tavolo d’angolo

Causa tempo instabile Bill Gates ha optato per un tavolo in un’area più appartata dell’immenso Strandcafé. Un tavolo d’angolo, con vista sul giardino sul retro, evitando il lato affacciato sul Danubio, per avere più privacy ed essere lontano da sguardi indiscreti.

D’altro canto l’Alte Donau nel fine settimana è frequentato da frotte di runner, canottieri, ciclisti, o semplici appassionati delle passeggiate all’aria aperta. Meglio tenersi a debita distanza dai luoghi più affollati.

Le guardie del corpo sono rimaste defilate, nella sala principale, di solito gremita di avventori, in un tavolo d’angolo con posizione strategica, che permetteva di tenere sotto controllo sia il lungo fiume, sia l’ingresso del locale. Nessuno ha voluto disturbare il fondatore della Microsoft intento a pranzare con la figlia, sebbene si sia dimostrato da subito molto affabile e simpatico.

Filetto con salsa rossa e insalata

Il menù ordinato da Gates non ha brillato per fantasia: filetto con salsa rossa e insalata. Così, con un piatto semplice e non tipico, il magnate dell’informatica ha onorato lo chef dello Strandcafé. Mentre la figlia ha preferito uno Zander, ovvero il lucioperca, un pesce di acqua dolce, o lievemente salmastra, tipico dell’Europa Centro-Orientale.

“La figlia ha preso un pesce intero, uno Zander -tiene a specificarmi Stefani, manager dello Strandcafé- Poi Bill Gates ha chiuso con un caffè nero lungo, mentre la figlia ha sorseggiato un tè verde”. 

Stefani mi mostra orgogliosa la foto che ha scattato accanto al co-fondatore della Microsoft: “Non capita tutti i giorni di incontrare una persona del calibro di Gates -mi dice con lo sguardo raggiante- Mica tutti possono vantare uno scatto come questo!”. Mi racconta anche di quanto si sia dimostrato disponibile, sorridente e gentile. Tutto il personale dello Strandcafé ha fatto a gara per un selfie e lui, Mr. Microsoft, si è prestato al gioco.

Come paga il conto un trilionario?

Il co-fondatore di Microsoft Corporation è ancora l’uomo più ricco del pianeta. Per lui è stato coniato l’appellativo di “trillionaire”, ossia trilionario, o meglio multimiliardario. Bill Gates possiede un patrimonio stimato di circa 86 miliardi di dollari e guadagna approssimativamente 240 milioni di dollari al giorno. Nel 2014 Gates si è dimesso dalla carica di chairman per diventare technology advisor, e dedicarsi maggiormente alla Bill & Melinda Gates Foundation, una fondazione creata nel 2000, con scopi filantropici.

Un anno fa il magnate della Microsoft ha dichiarato di non voler lasciare tutto il proprio patrimonio ai suoi tre figli, manifestando invece la volontà di devolvere in beneficenza e donare alla fondazione filantropica Gates Foundation la maggior parte delle proprie sostanze. Mai vorrebbe che troppo denaro influenzi negativamente l’esistenza dei suoi tre figli, che al contrario, dopo aver ricevuto un’ottima educazione scolastica e un bel gruzzolo personale, dovranno trovare la propria strada nella vita professionale.

Ebbene, come paga il conto del ristorante Bill Gates? In bitcoin? Con carta di credito? Rimarrete tutti a bocca aperta! Mr. Microsoft ha fatto pagare le sue guardie del corpo in contanti.

Così si è perfettamente adeguato alla più radicata abitudine austriaca: l’uso dei contanti.

Cottage, verde e natura

Lo Strandcafé è uno dei tipici ristoranti che sorgono lungo le sponde del Danubio.

Sabato e domenica è una zona brulicante di giovani che corrono, vanno in bici, o fanno canottaggio, ma anche di appassionati di nordic walking, o amanti delle passeggiate.

Un’oasi verde, quella attorno al fiume, dove la natura più o meno incontaminata, coesiste con club house e cottage, pontili e approdi per barche a vela e pedalò.

Cigni e ninfee, alberi e cespugli fioriti, case di legno con tetti spioventi e ville modernissime. E poi il sole che a tratti fa capolino tra le nuvole.

Non stupisce che Bill Gates abbia scelto proprio questo luogo per passare un tranquillo weekend viennese.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *