Cagnolina sola in metrò

L’avventura di Cora, un vivace esemplare di Jagdterrier, è a lieto fine. Assalita e morsa da un altro cane la cagnolina fugge di corsa in preda al panico per oltre un chilometro per poi viaggiare nella metropolitana di Vienna da sola fino a casa. Il cane in cui Cora si imbatte è un Boxer, particolarmente agitato e nervoso, che l’aggredisce senza motivo. Come reazione all’attacco la cagnolina, spaventatissima, scappa via a gran velocità. Corre terrorizzata e alla fine imbocca la fermata della metropolitana Hütteldorf, verso Meidling, la direzione di casa. Entra velocissima all’interno di un vagone in procinto di ripartire e viaggia lungo la linea U4 per ben 6 fermate, percorrendo di fatto più di 5 chilometri, per poi scendere alla sua solita fermata, quella di casa. Dando quasi l’impressione di sapere esattamente dove scendere. Un percorso fatto molte volte, ma mai da sola.

screen shot Kurier

Alla fermata Meidling Hauptstraße, però, trova ad aspettarla il personale della Wiener Linien, la compagnia di trasporti viennese, allertato da alcuni passeggeri che hanno notato la cagnolina aggirarsi da sola in metropolitana e hanno avvertito con tempestività il macchinista che, a sua volta, ha segnalato la temeraria viaggiatrice a quattro zampe alla centrale di controllo. Anche la sua padrona, Christine W., insegnante di 51 anni, avverte la compagnia di trasporti viennese su indicazione di passanti che hanno visto sfrecciare il quadrupede dritto all’interno della linea verde della metropolitana.

È così che la piccola Cora viene accolta a braccia aperte dal personale in servizio a Meidling Hauptstraße. Un addetto della Wiener Linien, che ha anch’egli un cane, le va incontro appena scesa dal vagone, attirandola in modo amichevole con una palla di carta. Con questo stratagemma, incuriosita e divertita all’idea di giocare, la cagnolina viene presa quasi al volo, non appena fuori dalla carrozza. Una commovente storia natalizia con tanto di happy ending. Scopriamo come Cora e Christine si siano ritrovate

screen shot Kurier

Lontane per un’ora

Nei minuti trascorsi assieme agli addetti della Wiener Linien la cagnolina Cora, 12 anni, è stata coccolata e le sono stati offerti cibo e acqua per consentirle di rifocillarsi dopo la lunga traversata in solitaria in metropolitana. Averla attirata con una pallina ha consentito all’impiegato della Wiener Linien di portarla con sé nella centrale di controllo. Non appena la sua padrona bussa alla porta della guardiola, Cora le corre incontro festosa. Sebbene la cagnolina stesse a proprio agio con il personale addetto ai controlli, non appena intercetta la sua padrona smette di fare qualunque cosa per lanciarsi tra le sue braccia. Ieri, c’è stato un nuovo incontro tra la Jagdterrier e il suo salvatore, ovvero l’addetto della compagnia dei trasporti che l’ha recuperata con grande prontezza di spirito. Una reunion di cui racconta con dovizia di particolari il Kurier. Il più bel regalo di Natale per Christine W. è stato indubbiamente ritrovare la sua adorata amica a quattro zampe che, a quanto pare, conosce perfettamente la strada di casa.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

4 risposte a “Cagnolina sola in metrò

  1. concordo ed un volta in più le persone dovrebbe smetterla di maltrattare gli animali o di porsi indifferente ad un randagio.Auguro a tutti gli animali che in questo momento stanno subendo del male da esseri che di umano nulla hanno di poter trovare PERSONE COME QUESTE ……è un utopia per quelli degli allevamenti intensivi, nei circhi, negli acquari , nelle corse dei cavalli, nelle sagra varie ed a quelli in mano ai VIVISETTORI ma fiduciosa che presto queste vergogne dell’umanità POSSANO LEGGERE LA PAROLA FINE.Andrea

  2. Gli animali a differenza degli umani rappresentano il volto piu’ vero della vita di oggi e della cui sensibilita” e altruismo noi dovremmo ispirarci per diventarne degni .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *