L’ISIS e la passione per il web austriaco

La propaganda dell’ISIS corre sul web, inarrestabile. La galassia jihadista mostra interesse per l’Austria. Per fare proselitismo online Daesh sfrutta sempre di più domini austriaci. Infatti le pagine internet austriache, ossia con la parte finale dell’URL “.at”, sono molto diffuse nella comunicazione di matrice jihadista. Molti di questi domini, se ne contano a dozzine, sono utilizzati da Amaq, l’agenzia stampa dell’ISIS, che è regolarmente coinvolta negli attacchi sferrati dai miliziani del Califfato, agendo come cassa di risonanza del jihad.

Un nesso, quello tra Amaq e pagine e canali internet austriaci, emerso soprattutto negli ultimi mesi e settimane, come ha evidenziato anche in un recente articolo il magazine online Vice. La registrazione di questi domini avviene principalmente attraverso nic.at GmbH, una società austriaca, che ha il suo quartier generale a Salisburgo. La nic.at sostiene di essersi resa conto del problema verso la metà di gennaio. Alcune di queste pagine sono rimaste attive per due o tre mesi. A livello di contenuti, però, non c’è nulla che la società possa fare per intervenire. La responsabilità è infatti demandata all’host provider. Inoltre la società salisburghese afferma con fermezza che il denaro dell’IS non è mai finito nelle casse della nice.at. Attualmente la società di Salisburgo sta cooperando con polizia e intelligence per bloccare più pagine possibili, come riportato dal Salzburger Nachrichten. Effettivamente esiste margine per agire. Se i domini vengono registrati con dati non corretti, allora è possibile intervenire per disattivarli. Finora sarebbero una dozzina i siti austriaci usati dall’ISIS che sono stati eliminati. Nel caso vengano forniti dati non corretti si creano infatti le condizioni per rompere il contratto e per bloccare immediatamente l’indirizzo.  Continua a leggere

Donne del Gujarat

Una mostra fotografica piena di colori, come solo l’India sa regalare. Immagini piene di poesia, che catturano in un istante i sentimenti e la vita segreta delle donne del Gujarat. Livia Comandini, fotografa friulana, ha raccolto i suoi scatti nel corso di un viaggio di circa tre settimane, alla scoperta di questo stato, situato all’estremità nord-occidentale del subcontinente indiano. Poco meno di 200.000 chilometri quadrati, con ben 1.600 chilometri di coste affacciate sul Mare Arabico, e 60 milioni di abitanti, prevalentemente di religione Hindu. Un luogo carico di storia e di siti sacri. Le donne del Gujarat si mostrano con i loro vestiti di seta impalpabile, con i loro monili, fermate in momenti della loro quotidianità, fatta di lavoro e famiglia. Nelle foto della Comandini sono racchiuse intense emozioni, si disvelano piccole storie e mondi sconfinati. Particolarmente suggestivo l’allestimento curato a Vienna dall’artista, regista e performer Monica Giovinazzi, nell’Associazione culturale Rotehaare. Nello spazio arredato dalla creatività di Monica Giovinazzi, le donne ritratte dalla Comandini fluttuano nell’aria, come sospese, angeli dai colori sgargianti, creature gentili che popolano una natura aspra e primordiale. Quei volti che ondeggiano, ridisegnano la spazialità, creando la magia di un incanto, prodotto da un gioco di segrete corrispondenze tra sguardi e anime. Lo spettatore, addentrandosi in quel labirinto di visi più o meno segnati dal tempo, viene come avvolto in un abbraccio, accarezzato da sorrisi rubati e dal lampo di iridi illuminate da un’energia straordinaria.

 

“Il Gujarat è una regione dell’India particolare, dove sono presenti molte etnie -mi racconta la fotografa Livia Comandini– Non sono una studiosa, ma mi incuriosisce andare alla ricerca delle minoranze etniche. Mi piace incontrarle e tentare di documentarle. Nel Gujarat poche donne portano il sari. Hanno modi e vesti diverse da quelle di altre parti dell’India”. Ora la mostra viennese si sposta in Italia. Donne del Gujarat sarà in Friuli Venezia Giulia, a Lestans di Sequals, in provincia di Pordenone, nelle stanze della Villa Savorgnan, a partire dal 25 aprileContinua a leggere

Deserto rosso sulle Alpi

La sabbia dell’Africa è arrivata in Europa, attraverso piogge e tempeste. Assieme alla polvere rossastra proveniente dal deserto del Sahara sono arrivati anche batteri e funghi alieni al nostro territorio, che possono rappresentare un pericolo per l’equilibrio dell’ambiente e anche per la salute dell’uomo. Il fenomeno meteorologico più eclatante è stato quello registrato nel febbraio 2014, quando in pieno inverno una tempesta di sabbia sahariana si è abbattuta sull’Europa Centrale, interessando un’area di oltre 2.500 chilometri. Particolarmente colpite: Italia, Austria, Germania. Sulla sola Austria sono caduti ben 2 milioni di tonnellate di polvere africana

 

Come conseguenza non c’è stato solo l’effetto di una patina color rosso aranciato su carrozzeria e vetri delle automobili, o problemi per chi soffre di allergie e difficoltà respiratorie, ma anche una forte concentrazione di questa polvere a 2000-3000 metri di altezza. Infatti, in questa occasione, un quantitativo ingente di polvere rossastra africana si è riversata anche sulle Alpi.

Di recente un team di studiosi italiani e austriaci  ha analizzato questa sabbia e i risultati della loro ricerca sono sorprendenti e destano anche qualche preoccupazione. “Se questi microrganismi e funghi riescono ad insediarsi, possono rappresentare una minaccia” dice Tobias Weil della Fondazione Edmund Mach e capo del team che ha effettuato lo studio sulle Dolomiti. Ovviamente sono un rischio per l’ecosistema estraneo nel quale vengono depositati, perché se dovessero svilupparsi, potrebbero entrare in competizione con flora e fauna locali. Ad essere analizzata da microbiologi, geologi, chimici, bioclimatologi, sono stati campioni di quella neve rossastra, intrappolata tra altri strati nevosi e ghiacciati, che ha mantenuto pressoché sigillati i microrganismi sahariani al suo interno. Campioni di neve raccolti da Marmolada e LatemarContinua a leggere

Attenti agli hacker nordcoreani!

Non solo missili balistici, la Corea del Nord è una minaccia anche via web. Il pericolo rappresentato dagli hacker nordcoreani è concreto. Nel mirino, oltre a molte istituzioni finanziarie mondiali, anche la Banca Nazionale dell’Austria e la sussidiaria polacca del gruppo Raiffeisenbank. Obiettivo dei cybercriminali: raccogliere fondi per il regime di Pyongyang. Esperti di sicurezza informatica hanno trovato nel codice di un software malevolo usato dagli hacker, una lista con centinaia tra istituti di credito, società e autorità del settore finanziario. Tutti possibili obiettivi di eventuali, successivi cyberattacchi. Ben 104 potenziali futuri target, in 31 diversi Paesi. Tra questi, anche alcune società e banche in Austria. Secondo la stampa locale avrebbero subito cyberattacchi sia la Banca Nazionale austriaca, sia la Raiffeisenbank. Ho contattato personalmente Christian Gutlederer, portavoce della OeNB (Österreichische Nationalbank) e mi ha confermato che la Banca Nazionale austriaca non ha subito alcun attacco, o tentativo di attacco informatico. Anche se Gutlederer non esclude che l’OeNB potesse essere nell’elenco trovato nel codice usato dagli hacker. La Raiffeisen Bank International, invece, ha informato che la sua sussidiaria in Polonia, Raiffeisen Polbank, è stata oggetto di un cyberattacco. Però l’istituto di credito ha anche precisato che nessun danno è stato arrecato alla banca, o ai suoi clienti. Lo scorso settembre, però, la Banca Nazionale dell’Austria aveva subito un attacco DDoS, portato a segno da hacker turchi, che aveva mandato in tilt il sito, paralizzandolo con un’immensa quantità di richieste, ma per fortuna senza danni.

Che non si possano dormire sonni tranquilli lo dimostra il fatto che con simili cyberattacchi l’anno scorso sono stati rubati 81 milioni di dollari alla Banca Centrale del Bangladesh. Le autorità statunitensi ritengono che dietro a questa serie di hackeraggi ci siano sempre pirati informatici nordcoreani. Lo stesso gruppo criminale ha sferrato cyberattacchi in Asia, Nord America ed Europa. E sempre l’anno scorso, c’è stata un’ondata di hackeraggi ai danni di istituti di credito della Polonia. Secondo quanto riporta il quotidiano Der Standard, la società di sicurezza informatica Symantec ha analizzato il software malevolo utilizzato dai criminali digitali e all’interno del codice ha trovato un elenco con ulteriori obiettivi.  Continua a leggere

Carlo e Camilla a Vienna

Il viaggio di Carlo e Camilla continua. Prima l’Italia con Firenze, Vicenza, Amatrice, Napoli e Roma. Poi è la volta di Vienna, tappa conclusiva della loro settimana europea. Sebbene il clima della capitale austriaca non sia così mite come quello della nostra meravigliosa penisola, per il Principe di Galles e consorte, la Duchessa di Cornovaglia, è stata una due giorni intensissima, piena di incontri importanti e occasioni mondane. Mercoledì pomeriggio, al loro sbarco in aeroporto, la coppia reale è stata accolta dal Segretario di Stato Muna Duzdar.

BKA / Hans Hofer

Mazzo di fiori per Camilla, calorosa stretta di mano per il Principe Carlo. Presente a dare il benvenuto anche l’immancabile vento viennese, capace con il suo soffio di scompigliare lievemente la bionda chioma di Camilla. L’agenda del Principe Carlo e della Duchessa di Cornovaglia è stata fitta di appuntamenti. Assieme a loro Leigh Turner, l’Ambasciatore britannico a Vienna. Dettaglio curioso: tutte le tappe della loro gita viennese sono state documentate da una serie di scatti postati nell’account Twitter della coppia reale inglese, Clarence House. Abbiamo sorpreso l’erede al trono britannico e sua moglie al loro arrivo al lussuosissimo Hotel Sacher. Tutto era pronto per accoglierli, con un cerimoniale impeccabile, curato fin nei minimi particolari.

by Stephanie Jepsen

Ecco l’addetto in livrea che srotola con precisione estrema il tappeto rosso sul quale tra pochi minuti cammineranno Carlo e Camilla. Entro breve i loro piedi regali calpesteranno quel tratto di marciapiede e quel tappeto adagiato con tanta dedizione. Sulla trabeazione dell’hotel svetta la bandiera del Regno UnitoContinua a leggere

Concerto punk a casa di Beethoven

Un concerto punk nel cuore residenziale di Vienna, quasi nel soggiorno di Beethoven. A farlo sono Die Toten Hosen, I pantaloni morti, una band tedesca di Düsseldorf. La particolarità del loro nuovo tour è suonare a domicilio. A Vienna hanno scelto un appartamento al primo piano di un edificio di Alsergrund, il nono distretto, sede di un ostello per studenti. Nelle immediate vicinanze della casa di Beethoven, in Schwarzpanierstraße. Così anche la zona attorno, compresa la limitrofa Türkenstraße, si sono trasformate all’improvviso in uno stadio. Traffico in tilt, note sparate ad alto volume, una folla di giovani che invade tutta l’area circostante. La musica si diffonde dalle finestre illuminate, mentre il frontman Campino, si esibisce in acrobazie da equilibrista, aggrappato agli infissi della finestra di una camera dell’ostello, cantando a squarciagola. Attorno fan in delirio. Un equilibrio precario, quello del vocalist Campino, al secolo Andreas Frege, in bilico tra interno ed esterno, che incita i fan a intonare i successi del gruppo, coinvolgendo da abile contorsionista i supporter vicini e quelli più lontani, al livello strada. Sembra un funambolo, si sporge pericolosamente puntellandosi ora solo con una gamba, ora solo con una mano, dimenandosi come un vero animale da palcoscenico. Un vero happening, con tanto di pubblico sia dentro l’edificio, sia nella via sottostante.

screen shot

La scelta della band Die Toten Hosen è piuttosto originale. Si tratta di una sorta di concerto segreto, “Geheimkonzert” in tedesco. Il loro Magical Mystery Tour prevede esibizioni in case private, con musica dal vivo suonata in cucina, in cantina, in camera da letto, in giardino. In Islanda hanno scelto un salotto, a Budapest invece un cortile, in Baviera un ospedale. A Vienna la stanza di un appartamento, a un passo dall’abitazione di Beethoven. L’importante è che ci siano vicini tolleranti, perché i decibel sono tantissimi e il concerto non dura certo pochi minuti, ma oltre due ore, tra successi e cover, tra le quali persino una versione rock frenetico di “Azzurro”Continua a leggere

Troll a lezione da Terminator

Nell’era dei social media imperversano troll e leoni da tastiera. Quello che se l’è vista con Arnold Schwarzenegger su Facebook, però, è stato “terminato” come solo lui, Terminator, sa fare. Il troll aveva scritto un commento sgradevole contro Schwarzy che aveva postato un video nel quale appariva assieme ad alcuni degli atleti vincitori ai Giochi Mondiali Paralimpici Invernali di Graz, in Austria. L’attore e politico austriaco, naturalizzato statunitense, sempre molto legato al suo Paese d’origine, si congratulava con i campioni paralimpici protagonisti a Graz, esprimendo loro i suoi più sentiti complimenti: “These guys inspire me!”, “Questi ragazzi sono fonte di ammirazione per me!”. Un post che aveva riscosso migliaia di consensi, ma anche qualche pessimo commento, come quello incriminato. Il troll non è stato bloccato e la sua osservazione offensiva non è stata cancellata, come avviene in genere con gli aggressivi e arroganti leoni da tastiera. Stavolta Terminator ha preferito liquidarlo con frasi lapidarie e qualche consiglio amichevole. Una tattica che gli è valsa il plauso della rete e che forse si è dimostrata più efficace di qualsiasi funzione “ban” o “delete”, disponibile nel sistema creato da Mark Zuckerberg. Un approccio educativo, che apparentemente stride con il personaggio di Terminator, il cyborg spietato interpretato dalla star di Hollywood, ma che lo ha fatto diventare, in questi giorni, eroe della rete. Il commento e la replica dell’ex governatore della California sono diventati virali e hanno avuto migliaia e migliaia di condivisioni sul web.

Il troll aveva scritto parole offensive, insinuando che i giochi paralimpici non abbiano senso, infarcendo il suo commento di epiteti sgradevoli. Invece di ingaggiare uno scontro, o di bloccare l’utente, o di eliminare il commento infelice e inopportuno, Arnold Schwarzenegger ha optato per un più magnanimo atteggiamento di tipo didattico. “As stupid and evil as this comment is I’m not going to delete it or ban you (yet) because it is a teachable moment”. “Anche se il commento è stupido e malevolo, non lo cancellerò, né ti bloccherò (per ora), perché può essere lo spunto per un insegnamento”, ha dichiarato un insolitamente affabile Schwarzy. Così dopo aver assestato un primo colpo, sferrato con non troppa veemenza, l’implacabile Terminator si prepara all’affondo finale, preludio dell’inevitabile KOContinua a leggere

Jihad sotto il velo

Il fenomeno jihadista si allarga a macchia d’olio. La radicalizzazione non conosce barriere sessuali. In Austria, infatti, sono 59 le donne diventate jihadiste, pronte ad andare a combattere in zone di guerra come Siria e Iraq, unendosi alle milizie dell’ISIS. Ben 59 donne su un totale di 280 foreign fighter austriaci. Di questi 89 hanno fatto ritorno in Austria e 13 di essi sono donne. Polizia e intelligence hanno impedito che ne partissero 50 per Siria e Iraq, 22 dei quali sono donne. In pratica il 21% dei simpatizzanti dell’ISIS è costituito da donne. Una percentuale tutt’altro che marginale, non solo rapportata alla popolazione austriaca, ma anche se paragonata a Paesi come ad esempio il Belgio, che pur avendo un numero di foreign fighter tra i 420 e i 516, nettamente superiore all’Austria, ha una percentuale di donne tra i simpatizzanti di Daesh del 17%. I dati austriaci finora disponibili fotografano la situazione alla fine di agosto 2016. Secondo gli esperti esistono motivi specifici per i quali il mondo femminile sarebbe così attratto dalla propaganda di Daesh e occorre escogitare adeguate contromisure, per prevenire un incremento di donne radicalizzate e potenziali jihadiste.

 

“Il problema in Austria è ancora relativamente di piccole dimensioni se paragonato a Francia, Belgio, o altri Paesi europei -mi dice il Prof. Rüdiger Lohlker della Facoltà di Studi Orientali dell’Università di Vienna– È un problema che va affrontato seriamente, ma non ha ancora assunto una connotazione tale da ingenerare panico nell’opinione pubblica. La questione dell’ambiente radicalizzato, nel quale si diffonde l’Islam indentitario è un problema sociale ben più grande. In Austria non vi sono numeri scioccanti, ma si ha la prova che le donne possono essere stupide tanto quanto gli uomini. E che non sempre l’universo femminile rappresenta la parte pacifica dell’umanità”. Anche Germania e Regno Unito hanno un consistente numero di foreign fighter e simpatizzanti dell’ISIS. Però, se sempre più donne austriache finiscono per radicalizzarsi e unirsi all’IS, vuol forse dire che c’è qualcosa di profondamente sbagliato nel modello d’integrazione proposto in Austria? “Non sono sicura che vada visto davvero come un fallimento dell’integrazione -dice Carla Amina Baghajati Rappresentante delle Donne dell’IGGÖ, Islamischen Glaubensgemeinschaft in Österreich– Sì, come gli uomini anche le donne seguono il jihad, perché come gli uomini possono avere una personalità instabile, possono provare un senso di esclusione e sentire il bisogno di appartenere a qualcosa. Le sette del terrore offrono l’impressione di essere accoglienti, inclusive, sembrano dire sì, stavamo proprio aspettando TE! Ma una simile, disperata crisi personale può colpire chiunque”.  Continua a leggere

1.000 euro per sloggiare

L’Austria offre 1.000 euro a ciascun rifugiato che decida volontariamente di fare ritorno nel proprio Paese d’origine. Al tempo stesso è pronta ad aprirsi alla redistribuzione dei migranti, così come chiede Bruxelles, accettando quote da Italia e Grecia. Così, da un lato sembra essersi allentata la tensione diplomatica tra Vienna e Roma, alimentata dalle dichiarazioni del Ministro della Difesa Hans Peter Doskozil (SPÖ), che rifiutava categoricamente di aprire le porte a migranti provenienti dall’Italia e che, ancora oggi, chiede l’uscita dell’Austria dal Programma Ue di redistribuzione dei rifugiati. Dall’altro si sta consumando una frizione, tutta interna alla coalizione di governo, tra socialdemocratici e popolari. Gli uni fanno la voce grossa e sono contrari a farsi carico di quel numero di migranti di loro pertinenza, come previsto dagli accordi comunitari. Gli altri sembrano avere toni più concilianti, come il Ministro dell’Interno Wolfgang Sobotka (ÖVP), che oggi rassicura Bruxelles e Roma, dicendo che, seppur a malincuore, l’Austria accetterà il ricollocamento di quote di rifugiati per alleggerire quei Paesi membri più colpiti dai flussi migratori, come l’Italia. Sobotka ha detto di aver iniziato a lavorare a stretto contatto con il Ministro dell’Interno italiano Marco Minniti e con il Commissario europeo per la Migrazione e gli Affari interni Dimitris Avramopulos, avviando il processo di redistribuzione e facendo così fronte alle ripetute sollecitazioni giunte all’Austria dall’Unione europea in materia d’immigrazione.

 

Ricollocare quote di migrati per il Ministro Sobotka è sostanzialmente sbagliato, perché a suo dire, è un incentivo per tutti gli illegali a giungere in Europa, aiutati dalle reti criminali dei trafficanti di esseri umani. Insomma, Wolfgang Sobotka riconosce che l’Austria non possa più sottrarsi ai suoi doveri comunitari, perché le deroghe a riguardo sono venute meno a partire dall’11 marzo scorso, però non condivide la misura, che a suo giudizio non aiuta ad arginare nuovi afflussi di immigrati illegali all’interno dell’Ue. Sullo sfondo gli incentivi che stanziano fondi per liberarsi di fatto di immigrati scomodi, che l’Austria non ha alcuna intenzione né di ospitare, né di prendersi cura. Le nuove misure, infatti, prevedono ulteriori 500 euro, per un totale di 1.000 euro a persona, da elargire ai primi 1.000 rifugiati che, su base volontaria, rinuncino a presentare richiesta di asilo sul territorio austriaco e tornino indietro al Paese d’origine.  Continua a leggere

Una “banca” in bitcoin

Vienna ha la sua prima “banca” in bitcoin. L’agenzia per la compravendita di BTC si trova nella centralissima Mariahilfer Straße, la famosa e frequentata via dello shopping. Si chiama “The House of Nakamoto”, in onore di Satoshi Nakamoto, pseudonimo del misterioso inventore della criptovaluta, il Bitcoin. I clienti di questa agenzia possono andare con soldi contanti e ottenere i bitcoin, o viceversa. Inoltre è possibile avere tutte le informazioni sulla moneta digitale, dalle quotazioni al funzionamento delle varie transazioni.

A gennaio il bitcoin (BTC) ha toccato vertici inattesi, guadagnando il massimo del suo valore, ben 1.000 dollari (940 euro), per la prima volta in tre anni e dopo aver chiuso il 2016 come valuta con la miglior performance. Secondo alcuni esperti questa impennata registrata dal valore del BTC è dovuta all’aumento della domanda in Cina, Paese nel quale si sono avuti il maggior numero di scambi al mondo. Ma è davvero così? Per capire meglio le continue fluttuazioni alle quali è soggetto il bitcoin ho chiesto il parere di un esperto del settore in Austria, Paolo Sommariva, Startup & Angel Investor basato a Vienna. “La Cina è il mercato numero uno del BTC e ci sono molti day-trader attivi -mi spiega Paolo Sommariva- Per cui una certa volatilità è certamente dovuta a piccoli speculatori. Quanto sia questa proporzione è difficile dirlo”. Se da un lato il BTC cresce come mai fatto prima, dall’altro inizia a mostrare qualche fragilità e anche qualche problema di tipo tecnico. Tutti fattori che forse, in tempi molto rapidi, potrebbero determinare possibili cambiamenti nella criptovaluta. “Il Bitcoin ha problemi tecnici -mi racconta Paolo Sommariva- La dimensione dei blocchi che si chiudono ogni 10 minuti è troppo piccola per far stare tutte le transazioni, perciò in alcuni momenti ci sono tempi di attesa lunghi, anche diverse ore, per avere conferma delle transazioni. Inoltre ci sono stati diversi attacchi DDoS alla blockchain. Insomma, il momento è molto caldo e potrebbero esserci cambiamenti profondi nella struttura del BTC nelle prossime settimane”.

La filiale viennese della prima “banca” in bitcoin è modernissima, tutta vetro, colori vivaci, arredi di design. All’interno offre anche gadget legati alla criptovaluta, forse per attrarre nuova clientela. Infatti il mercato sta diventando improvvisamente piuttosto competitivo, per l’entrata in scena di nuove criptovalute come ad esempio ETH (Ethereum). “L’Ethereum ha avuto un’impennata ed è appena arrivato a 42 dollari, da 1 dollaro quando è stato lanciato nel 2015 -dice Sommariva- Probabilmente molti sono passati da BTC a ETH, altrimenti non si spiega questo aumento così repentino”. Insomma stiamo assistendo ad un eccezionale fermento nel settore dei sistemi digitali della gestione del valoreContinua a leggere