Il verde Pilz, ribelle o molestatore?

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a macchia d’olio. Dopo Stati Uniti, Inghilterra, Francia, coinvolge anche l’Austria. A cadere è la testa di Peter Pilz, fondatore della Liste Pilz ed ex leader dei Verdi, il ribelle artefice della scissione dei Grünen. Peter Piilz prima annuncia le sue dimissioni, poi ci ripensa e si riserva di decidere nelle prossime 48 ore se rinunciare o meno al suo seggio in Parlamento. Tutto inizia con le accuse di abusi sessuali che gli muove un’esponente del Partito Popolare europeo, pubblicate dal settimanale Falter. L’episodio è accaduto nel corso del Forum europeo Alpbach, nel 2013. La giovane donna racconta di un Pilz visibilmente alticcio, che le mise le mani dappertutto, finché altri due partecipanti non lo trascinarono via, consentendole di divincolarsi. “Le accuse sono gravissime e le prendo molto seriamente -ha inizialmente dichiarato Peter Pilz contestualmente all’annuncio delle sue dimissioni- Ho sempre combattuto perché venissero applicati standard rigidi, adesso questi criteri devono essere applicati anche a me”.

screen shot

Il racconto della giovane dell’ÖVP europeo è molto dettagliato. Dice di essere stata colta di sorpresa. “Prima mi ha afferrato un braccio, poi con l’altra mano mi ha toccato il collo, il seno e infine i glutei. Il suo viso era così vicino e tutto è avvenuto così in fretta”. La descrizione di quei momenti si arricchisce di nuovi inquietanti particolari: “Non potevo muovermi, non riuscivo a respirare, non riuscivo a divincolarmi, anche perché mai mi sarei aspettata di essere toccata con così tanta aggressività ad una convention politica”. Pur non ricordando il fatto, in presenza di testimoni, Pilz non ha potuto che chiedere scusa e fare un passo indietro dalla politica, anche per potersi difendere, annunciando di voler intentare azioni legali. Ma è qui che la vicenda si complica. Se nel weekend Pilz dice di voler rimettere il suo mandato e di rinunciare al suo seggio, inspiegabilmente, stamattina cambia idea. Nei giorni scorsi Pilz sembrava aver fatto timide ammissioni, asserendo di aver forse equivocato e usato maniere inappropriate, pur negando decisamente qualsiasi molestia sessuale. Oggi, però, sostiene di essere oggetto di un attacco politico e di non essere più così sicuro di voler abbandonare il seggio nel Consiglio Nazionale. Parteciperà quindi all’insediamento del nuovo Parlamento in programma giovedì prossimo? Unica certezza: continuerà a sostenere il suo partito, Liste Pilz, una lista che porta il suo nome e che è nata in seguito alla scissione dai Grünen. Intende continuare a dare il suo appoggio, anche se dall’esterno, in questa delicata fase di transizione per il suo partito. La Liste Pilz ha infatti guadagnato 4 seggi alle elezioni dello scorso 15 ottobre, mentre i Verdi non sono riusciti a superare la soglia di sbarramento del 4%. Ma quelle della giovane dei Popolari europei, non sarebbero le uniche accuse di molestie sessuali per Peter Pilz. Scopriamo quali altri abusi vengono attribuiti all’ex leader dei GrünenContinua a leggere

Lo scandalo dei falsi minori

Tre milioni di euro. Tanto sono costati all’Austria i falsi minori richiedenti asilo. Un vero business. Per i profughi è estremamente redditizio mentire sull’età. Quasi un migliaio di richiedenti asilo hanno rilasciato dati mendaci e sono stati smascherati dalle autorità austriache. Nelle procedure di asilo il numero magico è il 18, o meglio tutti i numeri al di sotto del 18. Infatti in Austria, per i rifugiati con meno di 18 anni si dischiudono opportunità incredibili: essere raggiunti da tutta la famiglia; non essere rispediti nel primo Paese dell’Ue nel quale si è entrati; godere di maggiori iniziative educative e investimenti sulla propria istruzione; migliori accomodamenti. Inoltre i minorenni hanno il beneficio di speciali sussidi. Proprio per questo sempre più rifugiati decidono di barare, fornendo informazioni false sui loro dati anagrafici. Nel 2016 l’Agenzia Federale per gli Affari Esteri e i Richiedenti Asilo (BFA), ha potuto constatare che su 2.252 casi di minori sui quali pesavano forti dubbi riguardo all’età, per il 41% si è avuta conferma che fossero state date generalità falsificate.

Secondo i dati del Ministero dell’Interno, 919 giovani sono risultati essere al di sopra dei 18 anni e hanno quindi dato informazioni mendaci alle autorità austriache. Mentre nel 2015 il numero totale di chi aveva fornito informazioni non corrette era di 815. Ogni singola consulenza richiesta ad esperti per un minore costa alle casse dello stato austriaco una media di 870 euro. Solo nel 2016 sono stati spesi in questo modo ben 2,9 milioni di euro, come ha evidenziato una mozione presentata in Parlamento dal Team Stronach. Eppure si pensava che il fenomeno fosse destinato a diminuire visto che il numero di richieste di asilo è in netta decrescita. I numeri, però, dimostrano che si è trattato di un errore di valutazione da parte delle autorità austriache. Il rimpallo di responsabilità va dalla polizia al governo federale. In ogni caso, vista la disparità di trattamento tra minorenni e maggiorenni, non c’è da stupirsi che i rifugiati siano tentati di imbrogliare sulla propria età.  Continua a leggere

Il velo dello scandalo

Il Presidente Federale Van der Bellen ha fatto una dichiarazione shock. “Tutte le donne dovrebbero indossare il velo per solidarietà” una frase estrapolata da un’intervista trasmessa dalla tv pubblica austriaca ORF, che ha scatenato un acceso dibattito su quotidiani e social media. Il velo della discordia, a giudicare soprattutto dalle reazioni degli austriaci sul web. Parole che suonano per molti come un invito buonista che non può portare nulla di positivo, pronunciate in un momento storico nel quale sembra consumarsi un durissimo scontro fra civiltà, tra Occidente e Oriente, tra Cristianesimo e Islam

Parole che, per molti austriaci e per i partiti politici di opposizione, possono solo portare all’inevitabile perdita dei valori cristiani e dell’identità occidentale. Inoltre, sono tanti coloro che vedono una certa schizofrenia tra governo e presidenza. Una netta discrepanza tra le posizioni del Ministro degli Esteri Sebastian Kurz, che proibisce ovunque il velo integrale e l’hijab per chi ricopra incarichi nella pubblica amministrazione, in nome della laicità dello stato, e chi, come il Presidente Alexander Van der Bellen, incita a solidarizzare con usi e costumi religiosi alieni alla società austriaca. 

Ma erano davvero queste le intenzioni del Presidente della Repubblica? Oppure, al di là di quanto asserito nell’intervista televisiva, occorreva leggere tra le righe e comprendere che il messaggio era un altro?  Continua a leggere