ISIS, le chat del terrore

L’attentato a Manchester porta la firma dell’ISIS. È l’ennesimo, sanguinoso attacco al cuore dell’Europa. Il ruolo giocato dai social media nel diffondersi della propaganda dell’ISIS è indubbio. La presenza di miliziani del Califfato islamico su internet è attivissima. Attraverso le piattaforme social vengono raggiunti nuovi adepti e si reclutano i kamikaze di domani, gli assassini per mano dei quali, in futuro, si continuerà a seminare morte in Europa e nel resto del mondo. Il proselitismo via social network sembra inarrestabile e acquistano sempre più importanza le chat. Twitter e Telegram sì, WhatsApp no. Da Twitter, che è pubblico, l’ecosistema jihadista si è spostato sulle applicazioni di messaggistica istantanea e tra queste a WhatsApp viene preferito Telegram, per le sue caratteristiche di sicurezza e tutela della privacy degli utenti.

Accanto a questi canali comunicativi anche i media tradizionali hanno un ruolo nell’espandersi a macchia d’olio dell’ideologia jihadista. Nico Prucha, ricercatore esperto di jihadismo dell’Istituto di Studi Orientali dell’Università di Vienna, monitora da anni la galassia di miliziani del terrore operativa su Twitter, Facebook e Telegram. Proprio la chat di Telegram è uno strumento fondamentale per la propaganda dell’ISIS: “Per sua natura Telegram è una piattaforma dove le organizzazioni estremiste entrano in contatto con nuovi sostenitori e un canale attraverso il quale è possibile veicolare contenuti multimediali” dice Nico Prucha, in una intervista rilasciata al Kurier.

screen shot

L’avanzata di Telegram rispetto ad altri social network è dovuta al fatto che, soprattutto Twitter, ha iniziato dal 2016 a filtrare i propri contenuti, bloccando o cancellando quegli account legati all’ISIS. “L’ecosistema jihadista ha abbandonato Twitter per riversarsi in massa su Telegram -racconta Prucha- piattaforma sulla quale già viaggiava la comunicazione di membri di rilievo del mondo jihadista. Anche se fare proselitismo su gruppi segreti all’interno di Telegram non ha la stessa efficacia di campagne di propaganda fatte via Twitter”. I controlli sui contenuti operati da Twitter nel corso dell’ultimo anno e mezzo ha costretto l’ISIS a riprogrammare e rivedere la propria strategia comunicativa, e tornare così ad essere efficaci e pienamente attivi anche su Twitter, Instagram e Facebook, malgrado esista il rischio più che concreto che gli account possano essere bloccati. “Proprio perché l’ISIS è un gruppo molto pragmatico, ha modificato lo scambio di contenuti, che sempre più avviene attraverso un’operazione di copia e incolla fatta da singoli supporter -spiega Prucha- Così se un singolo account viene bloccato, ve ne sono sempre di nuovi che operano e diffondono contenuti, indisturbati, sfuggendo alle maglie dei controlli”.  Continua a leggere

Terminator contro Trump

Il più acerrimo rivale politico di Donald Trump? Senza dubbio è l’attore austriaco e due volte governatore repubblicano della California Arnold Schwarzenegger. Stesso partito, i Repubblicani, ma visioni politiche diametralmente opposte. Schwarzy, infatti, si è fatto promotore di iniziative e progetti ambientali, puntando sulle energie alternative. Trump, invece, non ha solo intenzione di annullare i trattati ambientali per combattere i cambiamenti climatici, ma guarda ai movimenti verdi ed ecologisti come a una minaccia alla libertà e vuole smantellare l’EPA, l’Agenzia per la Protezione Ambientale americana. Tra i due è un continuo botta e risposta sui social media. Ora che Terminator lascia la conduzione del reality show della NBC, The Celebrity Apprentice, il duello tra i due, a suon di video e scambi di parole al vetriolo su Twitter, ha registrato una nuova impennata. “Ho imparato molto, mi sono divertito ed è stata un’opportunità straordinaria” lavorare a The Apprentice, “però viste le circostanze non voglio rifarlo un’altra volta”. Anche se dovessero chiedergli di tornare a condurre il programma l’attore rifiuterebbe. Schwarzenegger non ha mai perso un’occasione per andare contro il 45esimo Presidente degli Stati Uniti, che dal canto suo non fa altro che provocarlo con tweet feroci. Le schermaglie tra i due, almeno per ora, non sembrano accennare a placarsi. Argomento del contendere, come sempre, gli ascolti della trasmissione The Celebrity Apprentice. L’attore ed ex governatore repubblicano ha sempre manifestato il proprio dissenso dalle posizioni di Trump, culminando in una dichiarazione pubblica nella quale annunciava che non avrebbe votato per Trump nella corsa alla Casa Bianca. Schwarzenegger aveva sostituito Trump nel ruolo di conduttore, ma il Presidente americano ha ripetutamente sottolineato quanto bassi fossero gli indici d’ascolto senza di lui in conduzione. Nell’abbandonare il reality show Terminator ha parlato di un fardello troppo pesante, sottintendendo la presenza ingombrante, sia pure solo in veste di produttore esecutivo di The Donald.

“Ho amato ogni secondo trascorso a lavorare alla Nbc e con Mark Burnett. Tutti, dalle celebrità allo staff, al settore marketing meritano un bel 10, e mi piacerebbe moltissimo lavorare ancora con tutti loro per uno show sul quale non gravi un simile fardello” ha dichiarato Schwarzenegger. Naturalmente non si è fatta attendere la replica di Trump, che con un tweet caustico ha gettato benzina sul fuoco delle polemiche: “Arnold Schwarzenegger non lascia volontariamente The Apprentice, è stato licenziato per i suoi cattivi (patetici) indici d’ascolto, non per me. Triste fine per un grande show”. Durissima la replica su Twitter dell’ex governatore della California: “Dovresti pensare a trovare un nuovo autore di barzellette e un fact checker”.  Continua a leggere

Una cotoletta per Ed Sheeran

La Wiener Schnitzel, la classica cotoletta panata viennese, va di moda. Tanto che il celebre cantante e musicista inglese Ed Sheeran ha festeggiato il suo 26esimo compleanno in Austria. Niente champagne e ostriche, ormai démodé, ma enormi boccali traboccanti di birra e la classica fettina di carne impanata e fritta, vero marchio di fabbrica di Vienna. A confermare il trend della cotoletta ci ha pensato Ed Sheeran, che ha postato su tutti i social media un suo scatto, mentre sorride e brinda felice con ben due boccali di Stiegl Bier, in un tipico locale austriaco. “Spent my birthday in Austria with beer and fried stuff, yep yep yep” (Ho trascorso il mio compleanno in Austria con birra e cibo fritto, sì sì sì) ha postato il cantautore britannico.

Screen Shot

Anche in questo caso per la star inglese non contano i grandi nomi della ristorazione austriaca, magari vincitori di stelle Michelin, al contrario basta una semplice Gasthaus, tutta legno e arredi spartani, dove però viene servito buon cibo autentico e genuino, e dove si può festeggiare in compagnia di amici, bevendo fiumi di birra. Davanti alla pop star inglese campeggia in primo piano un piatto con la tipica cotoletta panata viennese accompagnata da patatine fritteContinua a leggere

Vienna: brucia il Parlamento

Il Parlamento austriaco è andato a fuoco venerdì mattina. Una densa colonna di fumo nero si è alzata dal tetto dell’edificio dove si radunano i parlamentari per svolgere la loro attività. L’incendio si è sviluppato al mattino presto, attorno alle 6:30. L’allarme è scattato poco dopo, alle 6:40. Nessuna vittima, nessun pericolo per le persone, ma danni per circa 60.000 euro. Il rogo è stato domato nell’arco di un’ora, da settanta vigili del fuoco, giunti con una ventina di automezzi. Secondo quanto dichiarato da Gerald Schimpf, portavoce dei Vigili del Fuoco, le fiamme sono divampate sul tetto, dove si trova il sistema di condizionamento.

image

Nessun incendio doloso. All’origine dell’incidente un malfunzionamento tecnico dell’impianto dell’aria condizionata, con l’aggiunta di un errore umano. Una delle due colonne dell’impianto di condizionamento è stata avviluppata da lingue di fuoco ed è andata distrutta. L’edificio del Parlamento, malgrado parte del tetto sia bruciato, è stato riaperto già a partire dalle 8:20, mentre l’ultimo mezzo dei vigili del fuoco se n’è andato verso le 9:00Continua a leggere

Terminator scarica Trump

Il celebre attore Arnold Schwarzenegger ha dichiarato che non voterà per Donald Trump, candidato repubblicano alla Casa Bianca. La star di Hollywood si schiera così con coloro che nel partito, e non solo, hanno preso le distanze dal Tycoon dopo la diffusione delle frasi sessiste. La comunicazione sulle sue intenzioni di voto, Schwarzenegger, l’ha resa nota via Twitter. “Sono orgoglioso di essere Repubblicano -queste le sue parole- ma sopra ogni altra cosa sono fiero di essere americano”. Nato a Thal, in Stiria, nel sud-est dell’Austria, naturalizzato statunitense nel 1983, esponente di spicco del Partito Repubblicano ed ex Governatore della California, Schwarzenegger sul suo profilo Twitter prosegue così: “Per la prima volta da quando sono diventato cittadino statunitense nel 1983, non voterò per il candidato repubblicano alla Presidenza degli Stati Uniti”.

c_4_articolo_2148276_upiimagepp

Il protagonista di Terminator, che dopo due mandati come Governatore della California, ha smesso dal 2011 di dedicarsi alla politica attiva per tornare al cinema, sembra prendere nettamente le distanze da The Donald. Dimostrando di essere fortemente combattuto tra dovere di scuderia, senso di appartenenza al partito dei Repubblicani, al quale è legato dal 1968, e lo spiacevole comportamento del candidato.  Continua a leggere

Uccise Samra e Sabina, le “ragazze immagine” dell’ISIS

Samra e Sabina, le due adolescenti austriache di origine bosniaca, andate in Siria per unirsi ai miliziani dell’ISIS, sarebbero state uccise entrambe. A riportare la notizia è stata prima la stampa austriaca, poi quella internazionale. Ufficialmente, però, né il Ministero Federale dell’Interno austriaco, né il Ministero Federale degli Esteri confermano la morte delle due ragazzine.

C_4_articolo_2145846__ImageGallery__imageGalleryItem_3_image

Contattato da me Karl-Heinz Grundböck, portavoce del Ministero dell’Interno, ha dichiarato “di non poter né confermare questa notizia, né di poter rilasciare in merito alcun commento”. Analoga risposta ha fornito Thomas Schnöll, portavoce del Ministero degli Esteri, impossibilitato a commentare singoli casi.  Continua a leggere

Vienna: un collettivo di volontari molto social

Expat and Austrian Aid for Refugees (EAAR) è un gruppo di amici e famiglie, della comunità degli expat (espatriati) di Vienna. Un collettivo di volontari, come ama definirlo Alex Hesling, fondatrice con il suo compagno David O’Connor prima di un gruppo su Facebook e poi di una vera community, che vanta quasi 1.400 membri.

kids

Raccolgono donazioni per i rifugiati e distribuiscono aiuti dove c’è più bisogno.  Continua a leggere

I volontari 2.0 di Train of Hope Austria

Sono volontari 2.0, i ragazzi di TrainofHope Austria. Sono tanti, molti di loro giovanissimi, e garantiscono l’assistenza ai rifugiati nell’intero arco delle 24 ore.

apertura

La loro base è all’Hauptbahnhof, la stazione centrale di Vienna, da dove grazie ai social media, soprattutto Twitter e Facebook, si coordinano, organizzano gli approvvigionamenti, aiutano in modo efficace i migranti.  Continua a leggere