Tokyo batte ancora Vienna

Il sushi batte la Wiener Schnitzel. Vienna arriva seconda nella “Global/Top 25 cities” redatta da Monocle e a sottrarle il primato è Tokyo. Nella classifica delle città più vivibili del mondo preparata dal magazine di affari internazionali e lifestyle fondato da Tyler Brûlé, imprenditore canadese ed editorialista del Financial Times, la capitale austriaca, si piazza al secondo posto. Per anni Vienna è stata nella top ten e dal 2015 è sempre sul podio, giungendo seconda o terza come nel 2016. La capitale giapponese, invece, è rimasta per tre anni di fila saldamente al comando della classifica.

Due città diversissime, non solo per dimensioni e densità di popolazione, ma anche per caratteristiche e offerta di servizi. Se a Tokyo convivono in perfetta armonia modernità e tradizione, alta tecnologia e artigianato tramandato da secoli, a Vienna il passato, con le sue vestigia, avvolge e permea ogni cosa, anche la vita quotidiana. Da un lato c’è l’idea del vivere urbano legata alla cultura orientale, con un’attenzione agli altri che sfiora l’eccesso e con una dimensione concentrata sul benessere dell’intera comunità, dall’altro c’è una visione molto europea, quasi incapace di percepire il valore del tempo, decisamente più focalizzata sul sé. I parametri utilizzati da Monocle per realizzare la classifica comprendono una sessantina di voci dal tempo che impiega un’ambulanza ad arrivare in caso di emergenza, al prezzo per avere un buon caffè, dal numero di scuole di design alle case costruite nel corso dell’ultimo anno, fino all’apertura di nuove attività di business. Stavolta è entrata anche un’altra voce: la minaccia del terrorismo, che può condizionare pesantemente la qualità della vita. Tutti i dati sono stati raccolti attraverso informazioni accessibili sui registri pubblici, oppure ottenute da istituzioni e amministrazioni pubbliche. Vediamo insieme pregi e difetti di Tokyo e Vienna. Continua a leggere

Carri armati elettorali

Vienna è pronta a chiudere il Brennero. 750 militari e quattro mezzi blindati, panzer Pandur, sono allertati per intervenire in 72 ore a presidio dei confini con l’Italia, rendendoli impenetrabili a qualunque profugo. Un dispiegamento di carri armati e soldati ad uso e consumo della campagna elettorale. Il 15 ottobre, infatti, ci saranno le elezioni politiche anticipate. Ancora una volta, come nella lunghissima campagna elettorale per le presidenziali, l’immigrazione entra di prepotenza nel dibattito interno, influenzando pesantemente le decisioni di politica estera. L’allerta è massima, per un’emergenza che al momento non c’è. Ma che, se dovesse mai presentarsi, non troverà l’Austria impreparata. Così, di fronte agli sbarchi di migranti sulle coste italiane, che nei giorni scorsi hanno assunto le proporzioni di un’invasione, costringendo addirittura il nostro Ministro dell’Interno Marco Minniti ad annullare il suo viaggio negli Stati Uniti, gli austriaci si chiudono a riccio, innalzando ancora una volta muri.

“Deve essere chiaro che proteggeremo i nostri confini, se sarà necessario” ha tuonato il Ministro degli Esteri Sebastian Kurz (ÖVP). In piena armonia con il Ministro della Difesa Hans Peter Doskozil (SPÖ), che rappresenta l’ala più dura e intransigente dei socialdemocratici, che ha dichiarato: “Se l’afflusso di migranti in Italia non diminuirà, saremo costretti ad impiegare le forze militari per tenere sotto controllo i nostri confini”. L’unico che però ha il potere di decidere in materia è il Ministro dell’Interno Wolfgang Sobotka (ÖVP), che per ora non ritiene necessaria alcuna chiusura delle frontiere, né alcun dispiegamento di uomini e mezzi corazzati lungo il confine con l’Italia. Rompe il silenzio il Cancelliere Christian Kern (SPÖ), rasserenando gli animi, ribadisce che al momento non vi è alcuna necessità di schierare soldati e mezzi blindati, perché i controlli al confine fatti dall’Italia stanno funzionando. Kern ha comunque puntualizzato che lo spostamento delle unità militari in Tirolo è avvenuto in via cautelativa, nel caso dovesse verificarsi un’emergenza. Il Cancelliere federale ha anche detto che adesso l’Italia ha bisogno della solidarietà dell’Europa e ha promesso che l’Austria si adopererà in modo costruttivo nella riunione dei Ministri dell’Interno europei a Tallinn. Nel corso delle prossime settimane dobbiamo aspettarci nuove minacce e nuovi proclami perché, più passa il tempo, più la campagna elettorale entra nel vivo. Per un voto in più, si farebbe qualsiasi cosa, anche ricorrere ai carri armati. Su un punto i partiti della coalizione di governo sono concordi: l’Austria ha accettato più rifugiati del resto dell’Unione. Vediamo se le cose stiano davvero così, o se invece i dati smentiscano la propaganda a fini elettoraliContinua a leggere

10.000 bambini a rischio fondamentalismo

Stop ai finanziamenti per gli asili islamici. È la nuova affermazione shock del neo leader del Partito popolare Sebastian Kurz. Parole destinate a rendere incandescenti i toni di una campagna elettorale che si sta svolgendo in un clima sempre più aspro. Se si vuole una migliore integrazione dei richiedenti asilo il Ministro degli Esteri Kurz ha la ricetta giusta: è necessario che conoscano il tedesco, ecco perché occorrerebbe prevedere anche un secondo anno di asilo obbligatorio, volto a colmare il divario culturale. È così che arriva la denuncia della condizione di grave isolamento dal resto della comunità austriaca in cui si trovano, linguisticamente e culturalmente, gli asili per musulmani a Vienna che, rimarca Kurz, sono finanziati grazie alle tasse dei contribuenti austriaci. E alla domanda di Helmut Brandstätter, giornalista del Kurier, se abbia intenzione di abolirli Kurz risponde: “Certamente! Non ce n’è alcun bisogno. Non dovrebbero esserci asili islamici”.

BMEIA / Dragan Tatic

Ma come eliminarli in maniera ineccepibile dal punto di vista legale? La soluzione per Kurz è rendere più severi i criteri qualitativi richiesti. Così gli asili per musulmani, frequentati a Vienna da 10.000 bambini, non risponderebbero più al livello di certificazione qualitativa richiesto e quindi dovrebbero chiudere. In poco tempo il personale che si prende cura dei bambini, nella totalità dei casi di origini arabe o cecene, non avrebbe più i requisiti necessari e le strutture dovrebbero chiudere. Per Sebastian Kurz questo è il rapido percorso legale, per eliminare gli asili per musulmani. Affermazioni, quelle del Ministro degli Esteri e leader dell’ÖVP, che hanno scatenato vibrate critiche da destra e da sinistra. Vediamo le principali reazioni provocate dalle parole del leader dei popolari, capiamo meglio il fenomeno delle istituzioni per soli musulmani a Vienna e scopriamo cos’altro ha detto Sebastian KurzContinua a leggere

Un ballo contro l’AIDS

Il Life Ball è il ballo di beneficenza più famoso di Vienna. Un’occasione colorata e festosa per combattere AIDS, HIV, omofobia, per diffondere una cultura della consapevolezza sui rischi e sul contagio della malattia. Un modo per creare un clima di inclusione, accettazione e tolleranza, per abbattere ogni resistenza nei confronti della diversità. Motto del 2017: “Erkenne die Gefahr”, “Riconosci il pericolo” e “Conosci il tuo status”, di fatto un invito ad effettuare i test per l’HIV.

Life Ball / Juergen Hammerschmid

Il richiamo culturale è per lo Zeitgeist del 1920-1930, epoca di edonismo sfrenato, ma anche fortemente dominata da ideologie populiste, che oggi, nella società contemporanea, si stanno prepotentemente riaffacciando. Un periodo storico gli anni ’20-’30 dove sono stati attivi pittori come Otto Dix, che ha rappresentato criticamente la borghesia del tempo e il rapporto tra eros e morte, alla cui estetica, espressionista e caricaturale, si ispira la Life Bible.

Life Ball / Juergen Hammerschmid

“Un’epoca che è stata anche un’esplosione di opinioni diverse, con un alto tasso di creatività nella moda, nell’arte, nella letteratura, ma anche guidata verso distruzione e rovina da forze di matrice populista” ha detto Gery Keszler, ideatore e organizzatore del Life Ball. Dietro la sua sapiente regia, dopo una pausa di un anno, il ballo più anticonformista, variopinto e atipico della capitale austriaca è tornato a nuova vita. Un richiamo per star di fama mondiale, un trionfo di costumi appariscenti e coreografie di straordinario effetto, una passerella per ospiti internazionali e celebrity. Tutto si svolge al Rathaus, il Municipio viennese, tra esterni e interni. Vediamo insieme quali sono i vip che hanno partecipato al Life Ball e alcuni dei costumi più creativi che hanno sfilatoContinua a leggere

L’Italia che innova sbarca a Vienna

Vienna è diventata il centro dell’innovazione tecnologica mondiale con Pioneers. Una ribalta internazionale che ha visto l’Italia protagonista, con start up e innovazioni capaci di ridisegnare il nostro modo di pensare il futuro. Pioneers è una due giorni dedicata alla creatività e al business, un’occasione d’incontro per inventori e venture capitalist. È qui che il futuro prende forma, dalle biotecnologie alla medicina, dall’Intelligenza Artificiale alla robotica, dalle nanotecnologie alla Augmented Reality, dalla smart home alla smart city. Un tuffo nel mondo che sarà, tra conferenze, workshop, incontri. Il paradiso non solo per geek e smanettoni, ma per imprenditori dalla visione illuminata che puntano a cambiare in meglio la qualità del nostro vivere quotidiano, da finanziatori dal fiuto eccezionale capaci di individuare tra centinaia di proposte quelle che si tradurranno in un vero affare.

Un’opportunità per un confronto tra esperti del settore tecnologico, creativi e designer che scambiandosi idee avranno ulteriori ispirazioni per inventare nuovi prodotti. Un modo per far accostare giornalisti del settore a medici, ricercatori e scienziati che dischiudono scenari futuribili, destinati a modificare profondamente diagnosi, cure e analisi delle malattie

Sotto il patrocinio dell’Istituto nazionale per il Commercio Estero di Vienna (ICE Wien) ben 14 start up italiane hanno preso parte alla due giorni viennese di Pioneers. Scopriamo insieme chi sono questi inventori made in Italy e quali geniali novità hanno introdotto a livello internazionale. 

Continua a leggere

La stampa balla d’estate

Il Concordia Ball è il ballo della stampa. È uno degli appuntamenti più esclusivi dell’estate viennese. I giornalisti e gli scrittori austriaci dell’associazione Concordia, la stampa internazionale e la diplomazia, si ritrovano al Rathaus, il Municipio di Vienna, per uno dei balli più importanti e uno dei pochi estivi, con cui, di lì a breve, si chiuderà la stagione danzante. L’edizione di quest’anno, la 120esima dalla sua nascita, è stata organizzata con la collaborazione dell’Ambasciata dell’India. Il motto della serata: “Forza, vieni a ballare con me!”, con un mix inedito di valzer e tipici balli indiani, tra debuttanti e cavalieri e danzatrici con indosso meravigliosi costumi, caratterizzati da colori vivacissimi e opulenza di tessuti.

Un’edizione fusion, con il meglio della tradizione di Vienna e lo spirito travolgente del ritmo, della musica e delle coreografie di Bollywood. “Vogliamo costruire ponti tra le persone, le opinioni, le culture” ha dichiarato Astrid Zimmermann, Segretario Generale del Press Club Concordia.

I saloni del Rathaus, ciascuno dei quali offre musiche diverse, sono sempre addobbati a festa con grande raffinatezza. Nella scenografica sala principale ben due orchestre, poste ai lati della pista, avevano il compito di allietare con musica dal vivo debuttanti, cavalieri e invitati. Scopriamo insieme cosa rende straordinario e unico questo ballo.  Continua a leggere

L’Italia nel piatto

Una tavola imbandita, lunga 60 metri, apparecchiata in modo impeccabile per 250 persone. Vienna si trasforma per ospitare Wienissimo, il festival del gusto. Un’iniziativa enogastronomica che durerà fino al primo giugno. Un’opportunità per provare la cucina di grandi chef arrivati da varie parti del mondo. È così che anche il Rathaus, il municipio viennese, e il suo cortile cambiano veste. Il colpo d’occhio è davvero scenografico. Tovaglia bianca, candelieri, fiori, bicchieri di cristallo e sottopiatti. Sullo sfondo l’imponente facciata neogotica, con le sue guglie e la torre del campanile con l’orologio.

 

Sul lato opposto, invece, si staglia il Burgtheater, magnifico gioiello architettonico e teatro nazionale austriaco. Così il cortile antistante l’edificio neogotico del Rathaus diventa il più grande Schanigarten (come gli austriaci sono soliti chiamare giardini, cortili e terrazze dove consumare pasti all’aperto), di tutta la città.

 

Wienissimo è il festival del cibo di qualità e del buon bere, una manifestazione iniziata il 22 maggio, che proseguirà fino al primo giugno con svariate iniziative, all’organizzazione delle quali ha contribuito attivamente anche l’ICE di Vienna. Dal 23 maggio, per 10 giorni, 5 chef di fama internazionale si cimentano con menù ideati apposta per l’occasione, proponendo i loro piatti in 5 tra i più eleganti e lussuosi hotel viennesi. Si spazia dall’Italia alla Spagna, dall’Ungheria alla Croazia, alla Danimarca. Assaggiando dalle tapas alle piadine, dal goulash ungherese al pršut croato. A rappresentare il nostro Paese c’è lo chef Sergio Ferrarini, che porta alla ribalta moltissimi prodotti DOP e IGP italiani, incuriosendo gli austriaci con specialità tradizionali preparate con ingredienti sceltissimi e rigorosamente italiani, ma anche con ricette create apposta per vegani, o per chi abbia intolleranze alimentari. La sfida più grande per Ferrarini, è stata quella di accontentare una ospite del S’Parks Restaurant dell’Hilton intollerante al glutine. Per lei lo chef ferrarese ha preparato un’inedita versione della piadina realizzata con farina di riso. Una prelibatezza fatta con olio extra vergine d’oliva italiano e senza strutto, che ha conquistato tutti, anche i palati più esigenti, non solo la destinataria del manicaretto. Scopriamo le ricette proposte da Sergio FerrariniContinua a leggere

Jennifer Lawrence in topless…

Un topless da dimenticare per l’attrice Jennifer Lawrence, l’eroina di “Hunger Games”. Ubriaca, in reggiseno, barcollante, sale sul palco della pole dance e abbozza un’esibizione piuttosto imbarazzante a Vienna. Uno show che forse avrebbe fatto meglio a rimanere assolutamente segreto. La disintossicazione dall’alcol è davvero durata poco per la Lawrence, che nel famoso night club viennese Beverly Hills, in pieno centro storico, pare abbia tracannato un numero spropositato di bicchieri di vodka Beluga, fino alle 4 del mattino. Una nottata brava di fine aprile, iniziata al Loos Bar, piccolo gioiello architettonico per nottambuli, e finita al Beverly Hills, a Seilerstätte 5, nel primo distretto, uno dei più conosciuti strip club della città, tra divertimento e fiumi di alcolici, in compagnia di tre uomini, una donna e bodyguard. Il video spunta solo adesso, pubblicato da Radar Online. Le immagini non lasciano spazio a dubbi, l’attrice era visibilmente brilla, tanto da reggersi a stento in piedi da sola. La sua performance si lascia giudicare al primo sguardo, tutto fuorché sexy. La sua mise non era certo quella di quando era appena entrata nel locale: evidentemente manca qualcosa, un top, e occhieggia qualcosa di troppo, che solo la lingerie può far intravedere.

La star più pagata di Hollywood si trovava nella capitale austriaca per le riprese del thriller “Red Sparrow”, diretto da Francis Lawrence, attualmente ancora in fase di post-produzione. Una spy story, dove una sexy spia russa, interpretata da Jennifer Lawrence, si innamora di un agente della CIA, iniziando così a fare il doppio gioco. Vediamo cosa mostra il video.  Continua a leggere

Libia, se Roma perde la poltrona?

Una visita lampo, di un solo giorno. Tanto è durata la trasferta a Tripoli del Ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz. Scopo del viaggio rinsaldare le relazioni con il governo di unità nazionale libico di Fayez al-Sarraj, visto il ruolo chiave della Libia nella crisi dei rifugiati. L’obiettivo dell’incontro diplomatico, però, non era solo affrontare il problema dei tanti migranti che continuano a giungere in Europa su imbarcazioni di fortuna attraverso la rotta del Mediterraneo. La visita di Kurz puntava anche a creare le condizioni perché le imprese austriache possano riprendere e in qualche caso cominciare a fare affari con la Libia, malgrado il Paese nordafricano sia ancora dilaniato da guerra civile e forte instabilità. Infatti, con il Ministro Kurz c’erano anche delegazioni della OMV, della Rauch e della Vamed.

Bundesminister Sebastian Kurz. Foto: Dragan Tatic

Fitta l’agenda degli incontri. Erano previsti colloqui non solo con il Primo Ministro Fayez al-Sarraj, ma anche con il vice premier Ahmed Maiteeq, con il Ministro dell’Economia Naser Fadelallah Aoun, con l’omologo Ministro degli Esteri Taher Siala. Un segnale chiaro di sostegno al governo di unità nazionale da parte di Vienna.

Dalla caduta di Muhammar Gheddafi nel 2011 la Libia è nel caos: due governi rivali, quello di Tripoli riconosciuto dalle Nazioni Unite e quello di Tobruk del generale Khalifa Haftar, lotte tra tribù e fazioni armate. Poi dal 2014 anche la comparsa sulla scena di una terza forza in campo: i miliziani dell’ISIS. Malgrado l’Unione europea stia aiutando la Libia a costituire una guardia costiera per arginare lo sbarco di migranti in Italia, il governo attualmente riesce a presidiare e controllare solo una piccola parte dei 1.880 chilometri di costa del Paese. Al di là dell’emergenza rifugiati lo scopo della visita di Sebastian Kurz è soprattutto animato da ragioni economiche. Mentre la Russia si avvicina al governo del generale Haftar e l’Austria tutela i propri interessi economici coltivando relazioni bilaterali, l’Italia cosa fa? Resta a guardare, facendosi sottrarre il ruolo di partner privilegiato, faticosamente costruito? 

Continua a leggere

Una domenica nel pallone

Un campo da calcio, spunta in Ambasciata d’Italia a Vienna. O meglio, un’ampia porzione di un vero campo da football, si affaccia all’improvviso nel salone delle feste di Palazzo Metternich. Un soffice manto verde, fatto di erba vera, con le regolari strisce bianche per delimitare l’area di gioco è un’apparizione spiazzante. C’è la linea mediana, il cerchio del centrocampo, l’erba e le strisce bianche dipinte su di essa, si insinuano e invadono gli spazi, facendosi strada tra le architetture barocche, gli stucchi, gli ori e gli affreschi, fino ad appropriarsene. È un’invasione pacifica, piena di raffinati spunti umoristici. Si tratta della materializzazione di una domenica italiana, dedicata al pallone, dominata dal culto del calcio, vissuto da molti come un rito sacrale. Una domenica calcistica all’italiana che si impossessa degli spazi dell’Ambasciata, che in fondo è un pezzo d’Italia sul territorio austriaco.

Una domenica che, però, viene stranamente celebrata di giovedì. È, e al tempo stesso non è, una vera pitch invasion, perché in fondo non è in atto alcuna protesta. L’ironia è mordace, ma non feroce. L’umorismo è sottile, arguto, raffinato, pervasivo, ma non dissacrante. Si tratta di provocazione esercitata con intelligenza, di critica volta a stimolare riflessione.

Anche quando qualche scritta potrebbe sembrare una stoccata ben assestata, come lo striscione apposto all’esterno con la frase in tedesco “MIR FEHLT DAS MEER” (“mi manca il mare”), in fondo non c’è malizia o cattiveria, ma sempre satira pungente, espressa con spirito bonario, con un fondo di affetto. Gli italiani sono abituati a vivere in un Paese circondato dal mare e, ovviamente, ne sentono forte la mancanza. L’Austria è bella, ma non c’è niente che possa essere paragonato alla nostra bella Italia, ricordarlo non è certo un colpo basso.

Le strutture architettoniche di Palazzo Metternich si trasformano, grazie ad installazioni destrutturate, cartelli spiritosi disseminati ovunque fanno parte dell’opera d’arte totale che è diventata la residenza dell’Ambasciatore italiano. Presenze spiazzanti e decontestualizzate come i bicchieri di plastica sui vassoi per servire le bevande agli ospiti, incongrui nel formale ambiente diplomatico, o le avvertenze sui pericoli esistenti in Italia date ai turisti austriaci con voce stentorea, lette fedelmente dagli annunci pubblicati sul sito web del Ministero degli Esteri austriaco. Un modo per fare ironia e autoironia, visto che l’Italia rimane il primo Paese di destinazione turistica per gli austriaci. Tutto acquista nuovi significati. No, non è il mondo capovolto, è “Domenica“, una delle mostre più creative che si siano tenute a Vienna negli ultimi anni. E ad essere invasa è la sede dell’Ambasciata d’Italia.  Continua a leggere